Direttore Beppe Giuliano
Settimanale di Verona
RSS di - ANSA.it Diecimila i ponti con la 'revisione scaduta' in Italia - Maugeri, convalidato il sequestro di 5 milioni per Formigoni - Genova, dentro la zona rossa - LE FOTO - Autostrade,2,1 mld in lavori, 3,7 cedole - Genova, obiettivo nuovo viadotto entro il 2019 «Lo pagherà Autostrade» - Crollo del ponte di Genova, Salvini attacca Atlantia ma poi frena: «Ora diano i soldi, poi vedremo» - «Per 49 anni ho vissuto davanti al Morandi, martedì mi è quasi entrato in casa» Video - Genova, i volti e le storie delle vittime della tragedia sul ponte Morandi - Il governo frena sulla revoca della concessione ad Autostrade - Il diluvio, le auto frenano: gli attimi prima del crollo - Così il ponte 'poggia' sulle case sottostanti - Concessione autostrade, Di Pietro: "Ministri improvvisati" -
Euler Hermes


homepage : articolo
CONFAPI: «EUROPARLAMENTARI VENETI, ORA NON CI SONO PIU’ SCUSE»
di Redazione Web (del 27/05/2014 @ 12:17:35, Sezione Politica)
«Ora non ci sono più scuse». Patrizia Barbieri, presidente di Confapi Industria Veneto, lancia un messaggio chiaro. «I risultati delle elezioni europee mostrano un’apertura di credito molto forte nei confronti del Governo Renzi anche nel nostro territorio, con il Partito Democratico capace di toccare in Veneto il 37,5% e a Padova il 41,4%. Una fiducia che adesso deve essere ripagata passando ai fatti. Per questo ci siamo segnati le promesse rivolte agli elettori in campagna elettorale in favore della crescita economica e in materia di riduzione della pressione fiscale e di taglio alla spesa pubblica, tanto su scala nazionale quanto in una prospettiva europea». Sono sei i veneti sicuri di andare a Bruxelles: la vicentina Alessandra Moretti e il padovano Flavio Zanonato nelle file del Partito Democratico; il trevigiano David Borrelli per il Movimento 5 Stelle; la padovana Elisabetta Gardini e il trevigiano Remo Sernagiotto per Forza Italia; il veronese Flavio Tosi per la Lega Nord. «Ci rivolgiamo a loro e in particolare a chi è uscito vincente alle elezioni. Parliamo di un Paese, l’Italia, che ha perso il 25% della produzione industriale e un milione di posti di lavoro in cinque anni. Solo nel Veneto, nel 2013, le aziende che hanno chiuso i battenti sono state 1.143 (+11,9% rispetto all’anno precedente) e, di queste, 281 erano padovane. Per questo ci siamo appuntati in particolare gli impegni presi dal Pd, primo partito nel Paese, e da Forza Italia, elemento fondamentale del PPE, primo partito in Europa». Nel programma economico del Pd si punta a ridare centralità al lavoro attraverso un taglio selettivo della spesa pubblica che possa ridurre le tasse alle imprese. In quello di Forza Italia, sugli stessi temi, si prospetta il superamento del tetto del 3% nel rapporto debito/Pil, una riduzione della spesa pubblica di 800 miliardi e, contemporaneamente, una riduzione della tassazione dal 45% al 40%. «Ricordiamo che il Partito Democratico si è impegnato a rendere permanente la detrazione di 1.000 euro all’anno per 10 milioni di italiani. Si è inoltre impegnato a ridurre il cuneo fiscale, che è uno dei veri spread che ci separano dall’Europa: lavoratori e imprese oggi pagano il 2% di Pil in più rispetto ai lavoratori e aziende francesi o tedesche. Sono 30 miliardi di euro di tasse in più» afferma Patrizia Barbieri. «Quando citiamo i programmi da rispettare ci riferiamo a queste promesse a cui tener fede». Per quanto riguarda il lavoro, a livello europeo nel programma economico del Pd si prospetta un coordinamento rafforzato per le politiche e le prestazioni in materia di assistenza e occupazione e la creazione di un sistema di incentivi ad assumere mirato alle singole debolezze dei paesi: in Italia la vulnerabilità maggiore sul mercato del lavoro riguarda le donne, i giovani e gli over 55. Forza Italia mette tra i suoi primi punti la creazione di un’unione amministrativa a livello europeo declinata in 4 unioni: bancaria, economica, fiscale e politica. «In tutti e due i programmi si propone una politica industriale e per il lavoro comune in tutto il continente, ed è quanto chiede anche il mondo dell’impresa, tanto più oggi in cui affacciarsi sui mercati esteri è diventato di vitale importanza per le nostre aziende. Sono scelte necessarie perché è tutto il sistema produttivo europeo oggi a essere sotto lo scacco della competizione globale. Anche sotto questo aspetto ci aspettiamo segnali concreti» afferma Patrizia Barbieri. «Troppe volte le piccole e medie imprese sono state escluse dal dibattito italiano sull’economia e sul lavoro, mentre è un dato di fatto incontestabile che la crescita del Paese passi attraverso la competitività delle nostre aziende. Per questo ai politici veneti eletti nell’europarlamento diciamo: ci ricordiamo degli impegni che avete preso, ora vediamo se le promesse saranno mantenute. Chi ha responsabilità di impresa distingue meglio di altri un impegno serio e credibile da uno slogan elettorale. Vigileremo sul vostro operato».
Articolo articolo  Storico storico Stampa stampa
 
Nessun commento trovato.

Anti-Spam: digita i numeri CAPTCHA
Testo (max 1000 caratteri)
Nome
email


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.


^ Torna su ^

Cerca tra le notizie
 
gsk
Pillole
top
left euposia right
bottom
Titolo
Archiviati per sezione:
Agricoltura (143)
Ambiente (766)
Appuntamenti (69)
Arte (219)
Attualità (865)
Boomerang (2)
Bulldog (30)
Costume (2)
Cronaca (1467)
Cultura (210)
Economia (1038)
Happy hour (122)
Inchiesta (15)
Musica (3)
Pecora Nera (15)
Politica (523)
Pungitopo (1)
Quattro chiacchiere (8)
Redazione (2)
Salute (34)
Sanità (980)
Scuola (221)
Sogno o son destro? (110)
solidarietà (372)
Sparagli Piero (42)
Spettacoli (864)
Spin Doctor (63)
sport (154)
Tempo libero (106)

Archiviati per mese:
Agosto 2018
Luglio 2018
Giugno 2018
Maggio 2018
Aprile 2018
Marzo 2018
Febbraio 2018
Gennaio 2018
Dicembre 2017
Novembre 2017
Ottobre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Maggio 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006

L'Adige - Archivio numeri arretrati
top
left pillole right
bottom
Titolo  
L'ADIGE di Verona

Autorizz.Tribunale C.P. di Verona
nr. 1356 del 16/3/99
Iscrizione al Registro Nazionale della
Stampa n. 8857 del 15/12/2000

CONTESTO EDITORE scarl
Palazzo Ravignani - Via Frattini, 3
37121 Verona

Presidente e Direttore Responsabile:
Beppe Giuliano
Caporedattore:
Nicoletta Fattori

Redazione e Pubblicità:
Via Frattini, 3 - 37121 Verona
Tel. 045 8002685
Fax 045 596242
Per l’invio di comunicati stampa:
desk@giornaleadige.it

 

Feed XML RSS 0.91
Feed XML Atom 0.3

Valid XHTML 1.0 / CSS top