Direttore Beppe Giuliano
Settimanale di Verona
RSS di - ANSA.it Champions: Liverpool Napoli. Ancelotti: "La torta c'è, ora la ciliegina" - Arriva il fenomeno tv Carcereiros - Photoansa: Floris, divisione in due società è il problema di oggi - Brexit: Tusk convoca vertice per giovedì - Gilet gialli, Macron in tv: «Collera giusta, aumenterò lo stipendio minimo ai francesi» - Brexit, May: «Negoziato d’emergenza» Ma la Ue: no modifiche|Cosa succede? - Il ministro Bussetti: «Meno compiti  per Natale, i ragazzi stiano in famiglia» - Discoteca Ancona: sette indagati tra proprietari e gestori oltre al minore. Altri due fermi per droga, spunta la pista della banda di rapinatori - Salvini, l’antieuropeo moderato - L’educazione civica all’odio - Lagioia: “Miei cari amici giallisti, non alziamo steccati tra noi” - Francia, Macron rompe il silenzio sui gilet gialli: "Misure profonde, collera è giusta" -
Euler Hermes


homepage : articolo
Labirintico "Barbiere di Siviglia" all'Arena di Verona
di Redazione Web (del 09/08/2018 @ 11:32:24, Sezione Spettacoli)
A 150 anni dalla morte dell’Autore e a 70 dal debutto nel festival areniano, il “Barbiere di Siviglia” di Rossini ritorna nell’anfiteatro romano di Verona quale quinto e ultimo titolo del 96° Opera Festival (in scena fino al 30 agosto. L’edizione è quella firmata in regia, scene, costumi e luci da Hugo de Ana nel 2007 per Fondazione Arena, che da allora l’ha riproposta altre tre volte (2009, 2011, 2015). Noi l’abbiamo apprezzata fin dalla prima apparizione e il tempo ci sembra confermarne la validità. Cogliendo lo spirito rossiniano, che include una acuta connotazione dei vari “caratteri” agenti sulla scena, Hugo de Ana ha creato un’ambientazione di puro divertimento. Una sorta di labirinto/teatro di verzura, ben inserito con le sue linee arrotondate in quelle ellittiche del contenitore romano. Vi ha aggiunto il tocco di elegante ironia dato da rose rosse gigantesche (il tema, non dimentichiamolo, è pur sempre un “love affair”) e da altrettanto gigantesche farfalle (“L’amore è eterno finché dura” recitava il titolo di un film di qualche tempo fa) dominanti l’intrico di siepi (declassate, all’epoca dei fatti, da labirinto quale metafora di spirituale ricerca di sé, a riservata “location” di più o meno tollerate galanterie) per ricordare quanto sia effimero e volatile il mondo degli amori. Specie in un secolo di frivolezze per eccellenza come il Settecento. Almeno fino al duro risveglio rivoluzionario. Intanto, però, noi godiamoci anche lo spettacolare “happy ending” di de Ana, con tanto di colorati e scoppiettanti fuochi d’artificio. Ironia e humour raffinato ispirano del pari le satiriche, deliziose coreografie di Leda Lojodice, dalla gestualità un po’ scattosa come bamboline meccaniche o di carillon, accostanti caricaturale leziosità a più arruffati modi clowneschi e spesso fissate in cinematografici fermo immagine. Eseguite dal Corpo di Ballo dell’Arena coordinato da Gaetano Petrosino, risultano fondamentali alla realizzazione dell’idea progettuale del regista, come gli spiritosi costumi ispirati all’epoca e il gioco di luci dallo stesso ideati. Non ci è parsa altrettanto felice la componente musicale. Sul podio, Daniel Oren mantiene con la solita maestria il coordinamento tra palcoscenico e golfo mistico, mostrando però -- dinamiche alquanto allentate e concertazione di routine, cui l’Orchestra del’Arena si adegua -- che questo mondo rossiniano, nel quale, in Arena, è al suo debutto, non sia al momento tra le sue corde migliori. Nella compagnia di canto, in evidenza il nome del grande Leo Nucci, applauditissimo, anche per aver accettato di ricoprire ancora una volta (per le prime due recite) il ruolo del titolo, già suo nella prima edizione del 2007. Ma se possiamo lasciarci andare sul’abbrivio dei ricordi, troviamo Nucci quale Figaro in Arena fin dal 1996, con Cecilia Gasdia quale Rosina, nella estrosa regia di Tobias Richter. La voce non ha proprio la freschezza di allora, ma da allora l’affetto del pubblico è rimasto immutato. Roboante la richiesta di bis alla celeberrima cavatina, generosamente concesso. Nino Machaidze, che riporta il ruolo all’originario registro di mezzosoprano, inizia con vocalità retroflessa, ma poi la voce prende a scorrere in bel crescendo e la sua Rosina si fa agile e pregevole nel canto, brillante e convincente nel “carattere”. Bene nella parte anche Dmitry Korchak quale Conte di Almaviva. La tecnica non è impeccabile. Ulteriore studio valorizzerebbe maggiormente una materia vocale di tutto rispetto. Un notevole successo personale riscuote, inoltre, la brava e spiritosa Manuela Custer nei panni di Berta. Carlo Lepore è a proprio agio nel ruolo di Bartolo, e Ferruccio Furlanetto è Basilio di esperienza, anche se la sua “Calunnia” scivola via un po’ in sordina. A posto Nicolò Ceriani (Fiorello/Ambrogio) e Gocha Abuladze (Un Ufficiale). Bene il Coro dell’Arena preparato da Vito Lombardi. Pubblico generoso di consensi per tutti in un’Arena quasi esaurita. (Franca Barbuggiani)
Articolo articolo  Storico storico Stampa stampa
 
Nessun commento trovato.

Anti-Spam: digita i numeri CAPTCHA
Testo (max 1000 caratteri)
Nome
email


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.


^ Torna su ^

Cerca tra le notizie
 
gsk
Pillole
top
left euposia right
bottom
Titolo
Archiviati per sezione:
Agricoltura (143)
Ambiente (767)
Appuntamenti (70)
Arte (219)
Attualità (870)
Boomerang (2)
Bulldog (30)
Costume (2)
Cronaca (1469)
Cultura (210)
Economia (1038)
Happy hour (122)
Inchiesta (15)
Musica (3)
Pecora Nera (15)
Politica (523)
Pungitopo (1)
Quattro chiacchiere (8)
Redazione (2)
Salute (34)
Sanità (987)
Scuola (221)
Sogno o son destro? (110)
solidarietà (376)
Sparagli Piero (42)
Spettacoli (872)
Spin Doctor (63)
sport (156)
Tempo libero (106)

Archiviati per mese:
Novembre 2018
Ottobre 2018
Settembre 2018
Agosto 2018
Luglio 2018
Giugno 2018
Maggio 2018
Aprile 2018
Marzo 2018
Febbraio 2018
Gennaio 2018
Dicembre 2017
Novembre 2017
Ottobre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Maggio 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006

L'Adige - Archivio numeri arretrati
top
left pillole right
bottom
Titolo  
L'ADIGE di Verona

Autorizz.Tribunale C.P. di Verona
nr. 1356 del 16/3/99
Iscrizione al Registro Nazionale della
Stampa n. 8857 del 15/12/2000

CONTESTO EDITORE scarl
Palazzo Ravignani - Via Frattini, 3
37121 Verona

Presidente e Direttore Responsabile:
Beppe Giuliano
Caporedattore:
Nicoletta Fattori

Redazione e Pubblicità:
Via Frattini, 3 - 37121 Verona
Tel. 045 8002685
Fax 045 596242
Per l’invio di comunicati stampa:
desk@giornaleadige.it

 

Feed XML RSS 0.91
Feed XML Atom 0.3

Valid XHTML 1.0 / CSS top