Europa, prospettive di lavoro e libera circolazione in un convegno all’Università venerdì

«Sfide in materia di occupazione e libertà di circolazione nell’Unione europea: tra stress e nuove prospettive». Questo il titolo del convegno che si svolgerà venerdì 18 marzo, dalle ore 15.30 alle ore 18.30 presso l’aula universitaria Cipolla, in via Montanari 9.

L’incontro, ospitato e organizzato dal Dipartimento di Scienze giuridiche (nello specifico dal Centro di Documentazione Europea dell’Università di Verona), rientra nella campagna di comunicazione interistituzionale #latuaparolaconta, promossa dalla Commissione europea, dal Parlamento europeo e dal Dipartimento per le Politiche Europee e si inserisce tra le iniziative del progetto dei CDE italiani “Occupazione, ambiente e nuove tecnologie. Dialoghi in Accademia tra istituzioni, operatori economici, società civile e associazioni studentesche” realizzato grazie al contributo dell’Ufficio del Parlamento europeo in Italia.

L’iniziativa è strutturata in forma di dibattito, aperto a tutto il pubblico interessato, con la partecipazione di europarlamentari e docenti universitari per dialogare con referenti di movimenti della società civile, di associazioni studentesche e operatori economici sui principali temi di riflessione che riguarderanno la politica di occupazione sulla quale si è concentrata la discussione nell’ambito della Conferenza sul Futuro dell’Europa, tra cui in particolare la protezione sociale e sicurezza sociale, una tassazione per un’economia equa e inclusiva, la ripresa economica, la giustizia sociale, il rapporto tra giovani e occupazione.

Il pomeriggio si aprirà con i saluti istituzionali di Giovanni Meruzzi (direttore Vicario del Dipartimento di Scienze giuridiche), Caterina Fratea (associata di Diritto dell’Unione europea, Università di Verona), Francesco Garza (coordinatore della Rete italiana dei Centri di Documentazione Europea), Isolde Quadranti (responsabile CDE Università di Verona), Francesca Vianello (responsabile Europe Direct Venezia Veneto).

Seguiranno gli interventi di Fabrizio Spada (Parlamento europeo – Ufficio in Italia), Adelaide Mozzi (commissione europea – Rappresentanza in Italia), Donata Gottardi (ordinaria di Diritto del lavoro, Università di Verona; già eurodeputata), Alessandra Moretti (eurodeputata), Giorgio Anselmi (presidente di Casa Europa di Verona, già Presidente del MFE), Marco Borraccetti (associato di Diritto dell’Unione europea, UNIBO), Davide Diverio (ordinario di Diritto dell’Unione europea, UNIMI), Venera Protopapa (ricercatrice senior di Diritto del lavoro, UNIVR).

Per la Regione Veneto saranno presenti Roberto Ciambetti (presidente del Consiglio regionale del Veneto e Coordinatore della Conferenza dei Presidenti delle Assemblee Legislative delle Regioni e delle Province Autonome), e i consiglieri regionali Marzio Favero e Giacomo Possamai.

Per le categorie economiche Paolo M. Grossholz (responsabile Area Diritto e Politiche UE, Unione-Confcommercio Imprese per l’Italia Milano-Lodi-Monza e Brianza), Federica Collato (presidente Area di Sviluppo Associativo CNA Veneto Ovest), Stefano Facci (segretario Generale CGIL Verona), Giampaolo Veghini (segretario Generale CISL Verona) Davide Bulighin (direttore Confcooperative Verona).

L’incontro intende riprendere e sviluppare, attraverso un dialogo allargato, una serie di proposte già emerse in materia di libertà di circolazione, giustizia sociale e occupazione nell’ambito di seminari principalmente rivolti ai giovani (studenti, associazioni studentesche) realizzati dal CDE di Verona nell’ambito del progetto di rete 2021 dei CDE italiani “La Conferenza sul futuro dell’Europa. Un nuovo slancio per la democrazia europea”. Per poter partecipare è necessario iscriversi, entro il 17 marzo, tramite il link: https://univr.zoom.us/webinar/register/WN_drS9Iw9aTH-iMag-Hlo8Kw

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail