Hellas Verona, il Milan espugna 1-3 il Bentegodi. Gli scaligeri ancora a +2 sulla zona salvezza 

(di Gianluca Ruffino) Continua la maledizione Milan per l’Hellas Verona, che al Bentegodi si arrende 1-3 alla seconda forza del campionato, rallentando dopo due successi consecutivi in campionato. Si allunga a 11 la striscia di partite senza vittorie degli scaligeri contro i meneghini.

Match comandato dai rossoneri fin dalle prime battute, che hanno fallito un gran numero di occasioni prima di sbloccarla nei minuti finali del primo tempo con Hernandez. Il raddoppio di Pulisic ad inizio ripresa sveglia i veronesi, che con Noslin, migliore in campo, tornano in partita. Il goal di Chukwueze all’80esimo spezza il sogno di rimonta dei padroni di casa. Milan che consolida il secondo posto in classifica, Hellas che resta a 26 punti, +2 sulla zona retrocessione.

Baroni conferma nove undicesimi della vittoriosa trasferta salentina, riproponendo Dawidowicz, al rientro dalla squalifica, al centro della difesa, e Centonze al posto di Tchatchoua. Folorunsho, fresco di prima chiamata in nazionale, Lazovic e Suslov sulla trequarti pronti ad imbeccare l’unica punta Noslin.

Il Milan, dopo aver ottenuto in settimana la qualificazione ai quarti di finale di Europa League, si schiera con l’11 tipo, con la novità Okafor dal primo minuto al posto di Giroud.

Hellas, la cronaca del match

La prima opportunità del match arriva al 4° ed è per i rossoneri: sulla punizione di Reijnders, Tomori viene lasciato libero di colpire di destro sul primo palo ma non trova la porta.

Il primo quarto d’ora è di marca milanista, con gli scaligeri che provano a farsi vedere in contropiede. Al 16esimo il tiro di Noslin è bloccato a terra da Maignan.

Il Milan colleziona un’occasione clamorosa dopo l’altra: al 19esimo Montipò, con un gran intervento, manda sulla traversa la conclusione al volo di Okafor; al 22esimo è ancora il legno a fermare Pulisic. La risposta dei padroni di casa è sempre affidata alle scorribande dell’attaccante olandese, spina nel fianco nella difesa rossonera.

Alla mezz’ora sgasata di Leao che svernicia Centonze, ma è provvidenziale la chiusura in corner di Dawidowicz. Okafor poi non concretizza il cost to cost di Theo Hernandez. 

Dopo le tante occasioni perse, proprio sul finire di tempo il Milan la sblocca: Hernandez vince una serie di rimpalli sulla linea di fondo e insacca l’1-0. La sua esultanza di fronte alla curva veronese fa infuriare i tifosi: giallo per Baroni e per il terzino rossonero, che salterà per squalifica la trasferta di Firenze.

Hellas, l’errore di Dawidowicz condanna i gialloblù

La ripresa inizia nel peggiore dei modi per i veronesi: errore sanguinoso di Dawidowicz che spiana la strada a Okafor. L’attaccante si fa ipnotizzare da Montipò, ma sulla respinta del portiere Pulisic deposita facilmente in porta il pallone del 2 a 0.

I veneti provano a reagire col solito Noslin, ma il suo colpo di testa finisce alto. Qualche minuto più tardi ci prova anche Swiderski, subentrato al posto di Folorunsho. Il triplo cambio di Baroni sortisce i suoi effetti al 64esimo. Pallone respinto male dalla difesa rossonera, Noslin raccoglie e con un destro potentissimo dimezza lo svantaggio. La rete galvanizza i veneti, che ci provano con Duda dalla distanza. Pioli corre ai ripari mandando in campo Giroud e Musah al posto di Pulisic e Loftus-Cheek. Il diavolo potrebbe tornare sul +2, ma Leao, a tu per tu con Montipò, spedisce fuori. 

Il terzo goal è però solo questione di tempo: all’80esimo, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Chukwueze calcia al volo dal limite dell’area, trovando il suo primo goal in campionato. 

I rossoneri controllano nel finale e portano a casa la partita. La salvezza degli scaligeri passa già dallo scontro diretto della prossima settimana sul campo del Cagliari.

TABELLINO

HELLAS VERONA – AC MILAN 1-3

MARCATORI: HERNANDEZ 44° P.T. ; PULISIC 5° S.T.; NOSLIN 19° S.T.; CHUKWUEZE 35° S.T. 

VERONA (4-2-3-1): Montipò; Centonze, Coppola, Dawidowicz (Magnani 57’), Cabal (Vinagre 76’); Duda, Serdar (Silva 46’); Suslov, Folorunsho (Swiderski 57’), Lazovic (Mitrovic 57’); Noslin. All. Baroni


MILAN (4-2-3-1): Maignan; Calabria, Kalulu (Gabbia 46’), Tomori, Theo Hernandez; Bennacer, Reijnders; Pulisic (Giroud 66’), Loftus-Cheek (Musah 66’), Leao; Okafor (Chukwueze 74’). All. Pioli

foto credit: https://www.hellasverona.it/news/serie-a-tim-2023-24-al-bentegodi-passa-il-milan

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail