Meteo, per l’intero Veneto due giornate difficili. Nella zona orientale livello di allerta rosso

In considerazione delle consistenti precipitazioni previste nei prossimi giorni anche su Verona, il Centro funzionale decentrato della Protezione civile ha dichiarato lo stato di attenzione (allerta gialla) per criticità idraulica e idrogeologica nel bacino dell’Adige. La fase più critica è prevista tra sabato pomeriggio e domenica pomeriggio, con fenomeni temporaleschi diffusi, più estesi nelle zone montane e pedemontane. La Protezione Civile comunale è già allertata per tutelare l’incolumità pubblica e ha già predisposto il piano per gestire eventuali situazioni di emergenza. L’invito ai cittadini è quello di prestare la massima attenzione nelle ore di maggiore rischio, evitando di uscire se non strettamente necessario; se ci si trova in auto, moderare la velocità per evitare sbandamenti; non sostare lungo viali alberati per possibile rottura di rami; non utilizzare scantinati e aree seminterrate.

Quanto all’intera regione, il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile, alla luce delle previsioni meteo di ARPAV e dell’intensa ondata di maltempo in arrivo, ha emesso un avviso di criticità, valido fino alla mezzanotte di domenica, che eleva il livello di allerta a rosso (allarme) nel bacino del Piave Pedemontano, tra le province di Belluno e Treviso a partire dalle ore 14 di domani 5 dicembre fino alla mezzanotte di domenica, prima è da considerarsi arancione (preallarme). La criticità idraulica per il tratto di fiume Piave dello stesso bacino è da considerarsi arancione per tutta la validità dell’avviso.

Per quanto concerne i bacini dell’Alto Piave e Alto Brenta-Bacchiglione-Alpone viene confermato lo stato di preallarme (allerta arancione) fino alla mezzanotte di domenica per criticità idrogeologica e lo stesso livello di allerta per criticità idraulica anche nel bacino del Livenza. Per il resto dei bacini resta lo stato di attenzione.

Le previsioni meteo indicano da oggi pomeriggio e nel fine settimana intenso e prolungato episodio sciroccale; previste precipitazioni estese e persistenti sulle zone montane e pedemontane con quantitativi molto abbondanti in particolare su Prealpi centro-orientali e Dolomiti; fenomeni di minore entità sulla pianura centro-meridionale. Limite delle nevicate in rialzo, specie sabato, fino a circa 1500-1800 m su Prealpi e intorno ai 1200-1500 m su Dolomiti. Le precipitazioni più consistenti saranno concentrate nella giornata di domani 5 dicembre e nelle 48 ore comprese tra il pomeriggio di oggi e quello di domenica 6 dicembre. La fase più critica dell’evento sarà concentrata nelle 24 ore tra sabato pomeriggio e domenica pomeriggio.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail