Persone scomparse, il torrione di Legnago s’illumina di verde per chiedere più ricerche

(di Stefano Cucco) Domani, 12 dicembre, ricorre la giornata nazionale dedicata alle persone scomparse. Per non dimenticare i circa 8mila scomparsi da gennaio a giugno 2021, il Torrione, simbolo della città di Legnago, si illuminerà di verde a partire dalle ore 18. “Illuminando il Torrione di verde”, spiega Orietta Bertolaso, assessore al Sociale e alla Famiglia, “vogliamo come Amministrazione comunale sensibilizzare la cittadinanza al tema delle persone scomparse. Non si tratta di un problema marginale perché molteplici sono i motivi per cui una persona si allontana dalla propria casa: pensiamo ad un malato di Alzheimer che non ricorda più la strada. Ma il fenomeno riguarda anche i ragazzi. La pandemia ha acuito alcune difficoltà che già esistevano in famiglia per cui molti adolescenti pensano che allontanarsi dal nucleo familiare sia una soluzione. La collaborazione con l’associazione Penelope, con cui abbiamo organizzato la giornata del 12 dicembre”, conclude Bertolaso, continuerà sicuramente perché è un problema di cui ancora si parla poco nonostante i numeri in Veneto siano molto alti”. Penelope nasce nel 2002 da un’idea di Gildo Claps, fratello di Elisa Claps, scomparsa a Potenza nel 1993, il cui corpo fu ritrovato 17 anni dopo nel sottotetto della chiesa della Santissima Trinità, luogo dal quale si erano perse le sue tracce. Dalla necessità di dare sostegno a tutte le persone che si ritrovano catapultate nel limbo della scomparsa di un proprio parente o amico, nasce l’Associazione Penelope. L’associazione inoltre, fa da tramite tra il popolo degli scomparsi, le istituzioni, gli organi di stampa e i media, per dare voce a chi non ne ha. Nel 2007 nasce la figura del commissario straordinario di governo per le persone scomparse, facente parte del Ministero dell’Interno, figura unica nel suo genere in Europa perché presente unicamente negli organi governativi italiani. Penelope fornisce sostegno che si traduce in assistenze di tipo legale, psicologico, tecnico ma soprattutto umano.

Dal recente rapporto del Commissario Straordinario del Governo per le persone scomparse, emerge che nel primo semestre del 2021 sono state registrate 7.947 denunce di scomparsa: di queste 3.928 riguardano soggetti che sono stati ritrovati, mentre quelli ancora da ritrovare sono 4.019. Rispetto al primo semestre del 2020, le denunce di scomparsa sono aumentate del 58,81 % e il 50% di esse riguarda i minori. L’allontanamento volontario è la motivazione principale delle scomparse (circa l’80%). La Regione dove si registrano più denunce di scomparsa di cittadini italiani è la Lombardia, con 730 casi e una percentuale di ritrovamenti rispetto alle denunce (610), del 83,56%.

In Veneto nel primo semestre del 2021 sono scomparsi 206 cittadini italiani, di cui 37 ancora da ritrovare. Di questi, 92 sono i minori allontanatisi da casa, 13 ancora da ritrovare. Quanto ai cittadini stranieri, nel primo semestre del 2021 sono scomparse 97 persone in Veneto, di cui 36 ancora da ritrovare.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail