Solidarietà e promozione del territorio, nasce la Fondazione ValpoliBella

Sostenere le fasce deboli della popolazione e contribuire alla promozione della Valpolicella. Sono tra i principali obiettivi della neonata Fondazione ValpoliBella, costituita dal consigliere regionale Marco Andreoli, insieme agli amici Aldo Vangi, Alexandro Todeschini, Angelo Riva, e altre persone che hanno aderito al progetto solidale. Dopo l’esordio nei giorni scorsi con l’iniziativa, tutt’ora in corso, dal nome “Santa Lucia Solidale”, promossa per consentire a tutti i bambini di ricevere un dono in occasione della tradizionale ricorrenza del prossimo 13 dicembre, l’attività della Fondazione è entrata nel vivo con l’acquisto di un pulmino a nove posti, già predisposto per il trasporto di carrozzine per persone con disabilità. Il mezzo è stato messo a disposizione, in uso gratuito, al Gruppo Animazione Lesionati Midollari (Galm) di Pedemonte. 
“Siamo felici di collaborare con un’associazione impegnata da tempo sul territorio, coinvolgendo persone che potranno trarre un beneficio dall’utilizzo del pulmino – afferma il presidente della Fondazione ValpoliBella Andreoli -. Stiamo organizzando anche un servizio di autisti volontari che dovrebbe diventare operativo entro le prime settimane di gennaio, per poter offrire un servizio di trasporto completo”. 
La Fondazione, prosegue Andreoli, è una nuova realtà “che ha un respiro intercomunale con l’obiettivo di focalizzare e canalizzare le risorse del territorio nei Comuni della Valpolicella, principalmente nell’ambito del sociale, dell’ambiente e della cultura. Siamo un’unica comunità, questo è il punto di partenza che ha ispirato la nostra iniziativa”. Secondo Andreoli la principale caratteristica è la contiguità: “Vogliamo fare la nostra parte per sostenere i cittadini che sono in situazioni di difficoltà e anche nei nostri Comuni ci sono diverse storie che hanno bisogno di un supporto in collaborazione con i Servizi sociali e le associazioni che già operano nei paesi. Cambiando una sola lettera la parola Valpolicella può diventare ValpoliBella, e anche le persone, con un piccolo cambio di orizzonte, possono cambiare la vita di altri cittadini”. 


Una realtà costituita di recente, pur essendo stata pensata dai fondatori già diversi anni fa, che si è attivata su più fronti. Sta infatti proseguendo il progetto “Santa Lucia Solidale”: “Abbiamo ricevuto molte donazioni di giocattoli nuovi grazie alla solidarietà dei cittadini e siamo ora impegnati nella distribuzione alle famiglie, a seconda delle richieste che ci sono pervenute in accordo con le associazioni del territorio, le parrocchie e i servizi sociali dei Comuni che sostengono l’iniziativa.” 
Oltre al tema della solidarietà, conclude Andreoli “ValpoliBella punta a fare la propria parte anche nell’ambito della promozione. Viviamo infatti in un territorio magnifico, che deve essere valorizzato al meglio, andando oltre i confini comunali. La Fondazione ValpoliBella darà il proprio contributo per ottenere un importante obiettivo: ottenere per le tecniche di appassimento dell’Amarone il riconoscimento di patrimonio immateriale Unesco. Siamo convinti che la Valpolicella abbia tutte le caratteristiche necessarie a raggiungere questo traguardo. Lavoreremo in questa direzione con le amministrazioni comunali e con le altre realtà del territorio”.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail