Covid 303 results

Covid. Ce lo stiamo dimenticando, ma gira ancora

Il Covid gira ancora. Non è che perché la tendenza generale è di relegarlo fra i brutti ricordi il virus sia scomparso. Anzi, nelle ultime settimane circola di più e nonostante l’estate...

Covid. Non fa più paura come 2 anni fa. Ma continua a colpire

Il Covid continua a girare e la gente da ammalarsi. Ma non fa più paura come 2 anni fa. Ormai è un po’ come un’influenza. In molti casi come un semplice raffreddore, senza febbre ed altri sintomi. Ma la malattia non è da pendere sottogamba. Non sono pochi i casi che evolvono in polmonite e cominciano ad aumentare anche i ricoveri in ospedale che in una settimana sono aumentati del 25,3%, di cui il 3% in terapia intensiva. Dati Fiaso. Dei ricoverati negli ospedali italiani positivi al ...

Covid. Improvvisa impennata dei ricoveri

La Federazione Italiana delle Aziende Sanitarie e Ospedaliere ha comunicato il dato riguardante i ricoveri da Covid nella settimana dal 14 al 21 novembre: sono aumentati...

Ulss 9. Presentata l’offerta di vaccinazione antinfluenzale, anti-Covid ed anti-Pneumococco.

In questi giorni l’Ulss 9 è impegnata a informare i veronesi che mette a disposizione le proprie strutture per effettuare le vaccinazione antinfluenzale, anti-Covid ed anti-Pneumococco...

Covid. Arrivate in Veneto le prime 37.480 dosi di vaccino

Covid. Sono state consegnate alla Regione Veneto 37.480 dosi di vaccino anti Covid e altrettante arriveranno la prossima settimana.

Influenza, virus para-influenzali, Covid. Alcune precauzioni 

La previsione è che l’epidemia stagionale di influenza, di virus para-influenzali ma anche di Covid, visto che ormai sono assimilate e corrono di pari passo con le medesime modalità di contagio, possano colpire circa 10 milioni di italiani.  Niente di eccezionale né di preoccupante. Più o meno è sempre stato così. Quindi nessun allarmismo. Però qualche precauzione è meglio prenderla. Specie per le persone anziane e per quelle fragili, alle quali è raccomandata la vaccinazione, ...

Ci siamo dimenticati del Covid che ne approfitta. Rimane una specie d’influenza. Ma attenzione ai fragili

Il Covid ce lo siamo dimenticati. E il virus ne approfitta per diffondersi. Per fortuna la malattia, quando si manifesta, lo fa nella forma non grave: febbre, tosse, mal di gola, rinite. Insomma, una specie d’influenza. «Ma attenzione - raccomanda il prof. Ercole Concia, noto infettivologo veronese che ha dato un grande contributo nella lotta al virus durante la pandemia— alle persone fragili, agli over 65/70, agli immunodepressi, ai cardiopartici, ai bronchitici cronici, ai malati ...

Negazionismo. Una parola che fino a qualche anno fa non esisteva

Fino a qualche anno fa la parola ‘negazionismo’ non s’era mai sentita. Non esisteva. Sul vocabolario la voce più vicina che si poteva trovare era ‘negazione’ che, come recita lo ‘Zingarelli’, è “l’atto del negare”. Ma non esisteva né ‘negazionista’ né ‘negazionismo’...

Il Covid è finito come emergenza, ma gira ancora e uccide le persone fragili

Per l’Oms il Covid è finito come emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale, ma continua a pesare sulla salute. Ma soprattutto bisogna sfruttare l’esperienza della pandemia per affrontare altre emergenze sanitarie e prevenire altri disastri sanitari in futuro. In Europa e Asia centrale più di 270 milioni di persone sono state infettate da Covid-19 e oltre 2,2 milioni di persone sono morte a causa della malattia. Oggi i ricoveri e i decessi per Covid sono diminuiti di ...

L’Oms fa l’elenco delle malattie che potrebbero scatenare un’altra pandemia

Monito dell’Oms: dobbiamo essere pronti ad affrontare un’altra pandemia. Passato il Covid, potrebbe essere qualche altro virus a colpire l’umanità, magari ancora più mortale. Lo ha dichiarato ieri a Ginevra il suo direttore generale, Tedros Adhanom Ghebreyesus,all’Assemblea mondiale della sanità, mettendo in guardia i governi dei vari paesi sulla possibilità che il mondo venga investito da nuove pandemie, magari anche più mortali del Covid. Il pericolo è correlato alla ...

Covid. In Cina c’è chi prevede una nuova grande ondata. Molte perplessità in Italia

La previsione del massimo esperto cinese in materia di malattie respiratorie, Zhong Nanshan, secondo cui a fine giugno in Cina ci sarà una nuova ondata di Covid con 65 milioni di casi a settimana, genera molte perplessità, in Occidente. Lo scienziato cinese  ha anche annunciato che presto saranno immessi sul mercato due nuovi vaccini per contrastare la variante Xbb, aggiungendo che ”nello sviluppo di vaccini più efficaci, siamo in anticipo rispetto agli altri Paesi". L’annun...

Mascherine. In Veneto rimane l’obbligo nelle strutture sanitarie per tutto il mese

Il presidente del Veneto Zaia ha accolto con favore la decisione del Ministro della Salute di togliere l’obbligo della mascherina nelle strutture sanitarie, a parte i Pronto Soccorso, gli ambulatori dei medici di base e le Rsa,  “ma - precisa Zaia introducendo la circolare inviata a tutti i responsabili delle strutture sanitarie della regione- raccomando nel contempo che l’uso volontario e consapevole della mascherina possa diventare consuetudine per proteggere le persone anziane o ...

Domani l’Oms dichiarerà chiusa ufficialmente l’emergenza Covid

L’Organizzazione Mondale della Sanità ha comunicato che il Comitato di emergenza per il Covid-19 dell’Onu si riunirà giovedì dietro convocazione del direttore generale dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus. Oggetto della riunione l’emergenza pandemica. E’ molto probabile che emergerà il parere che l'emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale (Pheic) dichiarata il 30 gennaio del 2020 è finita.Dal gennaio 2020 il Comitato s’era riunito ogni 3 mesi per verificare se il ...

Covid. Aumentano i ricoveri. Si sfiorano i duecento morti in una settimana

Tra il 14 e il 20 aprile si sono registrati in tutt’Italia 27.982 nuovi casi di Covid, il 28,5% in più rispetto alla settimana precedente. Ci sono stati anche 191 morti, il 48,1% in più rispetto alla settimana precedente.Il tasso di occupazione in terapia intensiva sale all’1%, come quello dei ricoverati in area medica ( 4,5%).Lasciamo perdere i dati relativi all’'incidenza settimanale, l’Rt e l'indice di trasmissibilità che, come i casi di positività hanno perso molto del loro ...

Dalla ricerca di Moderna una speranza per la cura del cancro

Una speranza nella lotta contro il cancro arriva dagli Usa, dove il gruppo farmaceutico Moderna, specializzato in biotecnologie, sarebbe per mettere a punto un vaccino contro i tumori, le malattie cardiovascolari e quelle auto-immuni. I progressi decisivi sono stati fatto grazie alla ricerca per allestire i vai cini anti-Covid durante e dopo la pandemia. Nel giro di cinque anni il vaccino anti-cancro potrebbe essere pronto. La chiave di quello che potrebbe esser un passo decisivo nella ...