La 29^ edizione del Film Festival della Lessinia a Bosco Chiesanuova

Sarà a Bosco Chiesanuova dal 25 agosto al 3 settembre la 29^ edizione del Film Festival della Lessinia, dedicata a vita, storia e tradizioni nelle montagne del mondo. (Qui il nostro video)

90 film in programma provenienti da 40 Paesi, cuore di un programma che propone 122 eventi con 20 registi. La programmazione più ampia della sua storia 24 agosto serata d’anteprima nella Piazza della Chiesa.

La storia del Film Festival della Lessinia

E’ un concorso cinematografico internazionale dedicato alla vita, la storia e le tradizioni in montagna. Nato nel 1995 su iniziativa del Curatorium Cimbricum Veronense come rassegna videografica sulle terre alte veronesi, nel tempo ha allargato l’interesse alle montagne di tutto mondo.

lessinia
Lessinia

Tenutosi nel 1995 a Bosco Chiesanuova e nel 1996 a Erbezzo, è stato ospitato dal 1997 al 2006 a Cerro, dove si è affermato come concorso cinematografico internazionale. Dal 2007 la sede ufficiale è Bosco Chiesanuova, dove il Teatro Vittoria ospita le giornate di proiezione tra la penultima e l’ultima settimana di agosto. Dal 1997 il Festival è diretto dal regista e autore Alessandro Anderloni.

L’edizione 2023 del Film Festival della Lessinia parte dallo sguardo romantico dei viaggiatori europei di inizio Novecento sulle montagne italiane, per aprirsi a temi d’attualità come l’impatto del turismo e dei cambiamenti climatici di massa sulle terre alte. 

Quasi ad anticipare l’edizione 2024, scava nelle radici che lo hanno visto nascere, crescere e affermarsi come la seconda manifestazione cinematografica internazionale del Veneto.

Oltre al programma cinematografico sul grande schermo del Teatro Vittoria, presentazioni letterarie e le tavole rotonde di Parole Alte, laboratori, escursioni, quattro mostre, concerti, offerte eno-gastronomiche con il coinvolgimento delle realtà produttive locali. E lo sguardo sempre rivolto ai temi del green rimarcati dall’adesione al manifesto e al progetto del Verona Green Movie Land.

L’anteprima del Film Festival della Lessinia propone una selezione di cortometraggi girati in formato verticale in collaborazione con Vertical Movie Festival. Il richiamo allo sguardo verticale crea parallelismi con la verticalità dell’ambiente montano. Ma sono i temi del Festival, in particolare quelli ambientali, a essere raccontati con una nuova e potenzialmente “esplosiva” forma cinematografica che guarda soprattutto alle giovani generazioni. La serata ha come ospite Salvatore Marino, direttore artistico del Festival, la cui sesta edizione si svolge a Roma, a ottobre. Ospite d’onore Fabio Testi. 

Una selezione di 37 film sarà disponibile sulla piattaforma online MyMovies.it

La sezione Concorso conta 12 lungometraggi e altrettanti cortometraggi in competizione per il Premio ‘Lessinia d’Oro’ al miglior film in assoluto; il ‘Lessinia d’Argento’ al miglior lungometraggio e al miglior cortometraggio; il Premio della Giuria internazionale; il Premio del Curatorium Cimbricum Veronese al miglior film di regista giovane; il Green Planet Movie Award al miglior film della sezione green; il Premio della Cassa Rurale Vallagarina al miglior film sulle Alpi; il Premio MicroCosmo della giuria dei detenuti del Carcere di Verona; il Premio dei bambini; il Premio del pubblico Cantina Musella.

L’impegno del Film Festival della Lessinia per portare ogni anno i temi più attuali e “ne-cessari” del dibattito sulla montagna trova conferma nei 9 incontri di Parole Alte a cui si aggiungono quattro tavole rotonde di un calendario curato da Michele Zanini.

Il CAI Veneto propone una tavola rotonda sull’impatto dei cambiamenti climatici sulle Alpi, il Curatorium Cimbricum Veronense si sofferma sui cento anni dalla nascita e i dieci dalla morte del paleontologo Attilio Benetti; l’Ordine degli Architetti di Verona si concentra sull’architettura di vacanza in montagna, tra storia e possibili evoluzioni nel segno dell’ecosostenibilità.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail