Bardolino. Approvata la ratifica dell’accordo per l’intervento della Ciclovia Nazionale del Garda

(di Rocco Fattori Giuliano) Bardolino: approvata in Consiglio Comunale la ratifica dell’accordo di programma tra il Comune di Bardolino e la società Veneto Strade S.p.A. inerente la Ciclovia Nazionale del Garda con otto favorevoli, un’astenuto e tre non partecipanti alla votazione.

Durante il Consiglio, il Sindaco e gli assessori hanno discusso sui punti più critici del progetto per la nuova ciclovia che dovrebbe connettere Peschiera a Malcesine attraverso un unico percorso ciclabile. Il tratto analizzato maggiormente è quello che va dalla rotonda di via Marconi a Garda, dove sono stati contestati gli espropri, la sicurezza del tragitto adiacente alla Gardesana e la possibile cementificazione della campagna di Bardolino. Molto criticata anche la scarsa comunicazione dei dettagli del progetto con la comunità.

Il sindaco di Bardolino Lauro Sabaini e la maggioranza hanno sottolineato come il progetto presentato nel 2022 fosse stato approvato all’unanimità dallo stesso consiglio e come per le parti ancora dubbie il progetto esecutivo non sia stato presentato e sarà compito di Veneto Strade correggere eventuali imprecisioni e perfezionare i disegni.

«Siamo consapevoli che realizzare un’opera importante come questa comporti molti benefici e qualche disagio, soprattutto per i proprietari dei terreni oggetti di esproprio, ma tutte le osservazioni per migliorare il tracciato le abbiamo già fatte a Veneto Strade – aggiunge il sindaco –. Vorrei poi rassicurare sul fatto che il progetto elaborato dagli ingegneri di Veneto Strade è rispettoso dei vincoli paesaggistici».

Bardolino. Il percorso della ciclovia del Garda nel comune bardolinese

Il percorso compreso nel Comune di Bardolino partirà dalla strada provinciale dalla Vallesana fino all’intersezione con la rotatoria di via Belvedere; da lì interesserà strada Bordenis e fiancheggerà il campo sportivo di Calmasino per ricongiungersi poi alla strada del Santino dove, tramite un sovrappasso sopra la strada del Progno, fiancheggerà il “Villaggio Creole”. Quindi si innesterà su strada Campazzi, passando davanti all’ecocentro comunale, arrivando all’intersezione con la Provinciale.
 
Da qui la ciclovia passerà sul sedime della vecchia linea ferroviaria Verona-Affi-Garda, fino ad arrivare alla rotonda di via Molini. Proseguirà sul tratto di pista ciclabile esistente lungo via Europa Unita, fino alla strettoia del sottopasso del Progno di Valsorda. L’attuale sottopasso stradale, viste le ridotte dimensioni, diventerà il nuovo passaggio ciclabile; a fianco dell’attuale sarà realizzato il nuovo sottopasso per la viabilità comunale.
 
La ciclovia del Garda proseguirà su via Europa Unita: dalla rotatoria con via dello Sport in poi, entrando nel centro abitato, sarà ristretta nella larghezza (2,5 metri anziché i 3,5 del tratto precedente). All’altezza della rotatoria di via Marconi, la ciclovia passerà lungo la Gardesana (strada regionale n. 249), salendo verso Garda lungo via Gardesana dell’Acqua, a valle della strada; uscendo dal centro abitato, tornerà a essere larga 3 metri.

L’ultimo tratto della ciclovia arriverà al confine con il Comune di Garda, all’altezza del camping La Rocca, innestandosi sull’esistente passeggiata.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail