Costruzioni in Veneto. Nel 2023 cresce il fatturato per metà delle aziende, ma 8 su 10 faticano a trovare forza lavoro qualificata

Le infrastrutture rappresentano un elemento cruciale per la modernizzazione e la sostenibilità del Veneto e dell’intero Paese. Dei quasi 17 miliardi di euro previsti dal PNRR per il Veneto, ben 9,4 miliardi sono destinati alle infrastrutture. In particolare, più di 320 milioni di euro sono stati stanziati per la logistica e interventi sul patrimonio edilizio, un investimento per il futuro della regione e delle circa 62mila imprese attive nel settore delle costruzioni, che rappresentano il 14% del totale imprenditoriale locale.

Durante la terza tappa dei SAIE LAB a Verona, laboratorio itinerante organizzato da Senaf, si è discusso proprio di evoluzione progettuale e tecnica nelle infrastrutture e negli immobili per la logistica. Questo evento è parte della preparazione per SAIE, La Fiera delle Costruzioni, che si terrà a BolognaFiere dal 9 al 12 ottobre 2024.

Osservatorio SAIE: i numeri della filiera delle costruzioni in Veneto

La filiera delle costruzioni in Veneto mostra segnali contrastanti. Secondo l’Osservatorio SAIE, il portafoglio ordini è giudicato adeguato dal 78% delle imprese e il fatturato del 2023 è aumentato per il 55% delle aziende. Nel solo ultimo quadrimestre, il 22% delle imprese ha registrato un incremento dei ricavi, e la stessa percentuale prevede di chiudere l’anno in positivo. Inoltre, il 40% delle aziende ha aumentato gli stipendi dei collaboratori.

Tuttavia, la mancanza di manodopera qualificata rimane una criticità significativa, con l’83% delle imprese che faticano a reperirla. La carenza di formazione tecnico-professionale è un problema rilevante (57%), superato solo dalla burocrazia (71%) e dagli aspetti fiscali (70%). Solo il 17% delle aziende ritiene che il livello di competenze sia adeguato alle proprie esigenze di crescita, rendendo la formazione una priorità, con l’83% delle imprese che hanno attivato programmi formativi.

Le aziende del comparto indicano incentivi, sblocco dei cantieri e riforma della burocrazia come misure cruciali per il futuro (rispettivamente 75%, 50% e 37%). Inoltre, metà del campione sta esplorando l’implementazione dell’intelligenza artificiale, e molte aziende stanno già applicando tecnologie avanzate come la sicurezza informatica, il 5G e l’IoT.

L’attenzione all’ambiente e le iniziative green stanno trasformando il settore, con azioni come l’uso di dispositivi a basso consumo energetico, il riutilizzo dei materiali di scarto e l’acquisto di macchinari di nuova generazione.

Il convegno di Verona è parte del ciclo SAIE LAB, laboratori itineranti del saper fare organizzati da SAIE. Dopo Ancona e Firenze, i SAIE LAB termineranno a giugno con l’ultimo laboratorio a Bari. Questi eventi preparano la comunità delle costruzioni a SAIE 2024, la fiera di riferimento del settore, che si terrà a BolognaFiere dal 9 al 12 ottobre, con una formula dinamica e immersiva che combina spazi espositivi, convegni formativi, aree dimostrative e contest ad alta interazione.

SAIE 2024 metterà al centro temi cruciali per il futuro delle costruzioni: sostenibilità, infrastrutture, formazione e innovazione. Tra le iniziative speciali, SAIE Infrastrutture valorizzerà le eccellenze italiane nella progettazione e gestione delle opere pubbliche e infrastrutture strategiche, discutendo le priorità nazionali e le opportunità del PNRR e dei programmi europei.

SAIE LAB Verona è stato patrocinato da associazioni e ordini professionali. Tra gli interventi, Pierfrancesco Tieni, Vicepresidente di ANCE Giovani Veneto e ANCE Giovani Verona, ha sottolineato l’importanza dell’innovazione e della sostenibilità nelle infrastrutture e negli immobili per la logistica. Adriano Castagnone, Presidente ASSOBIM, ha evidenziato il ruolo della digitalizzazione e del BIM nel migliorare i processi costruttivi. Valerio Giovine, Segretario Generale CIFI, ha parlato dell’evoluzione tecnica e organizzativa nelle infrastrutture logistiche, mentre Giovanni Saba, Vicepresidente di CONPAVIPER, ha posto l’accento sulle prestazioni delle pavimentazioni industriali.

Emilio Bianchi, Direttore di SAIE, ha concluso sottolineando il ruolo centrale del Veneto e di Verona nel settore delle costruzioni e della logistica, anticipando che SAIE 2024 dedicherà un’attenzione particolare alle infrastrutture per la logistica, con iniziative tematiche e discussioni sulle priorità del settore.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail