Aiutare gli ucraini significa donare beni di prima necessità. Non svuotare gli armadi di quello che non serve più!

Ci sono vari centri di raccolta per gli aiuti all’Ucraina, organizzati sia dal pubblico sia da semplici cittadini privati. Alcuni di questi ci hanno riferito di un fenomeno vergognoso che anziché aiutare, ostacola la raccolta di beni da inviare in Ucraina ed ai profughi che stazionano ai confini polacchi, moldavi, e slovacchi. Tra i pacchi donati cose assolutamente inutili, come oggetti per maquillage, costumi da bagno, ciabatte infradito, camicette di pizzo. E’ evidente che nella testa di quelle persone che hanno portato robe di questo genere il primo pensiero non è quello di aiutare gli ucraini che vivono a 10 gradi sotto zero e nei rifugi, ma di svuotare gli armadi di quello che non serve più. E questo con la grande campagna di solidarietà che ci coinvolge tutti non c’entra proprio niente. Per aiuti oppure o per offrire ospitalità scrivere una email a veronaperucraina@comune.verona.it o chiamando il numero verde 800085570 tra le 9 e le 13. La raccolta di beni di prima necessità viene effettuata dalla Protezione civile al Quadrante Europa in via Sommacampagna 22/A. I beni vanno consegnati da lunedì al sabato dalle 9 alle 12 e il martedì e giovedì anche il pomeriggio dalle 15 alle 17.

Portare: generi alimentari a lunga conservazione (pasta, riso, scatolame), che non richiedono l’uso di frigoriferi per lo stoccaggio; prodotti per l’igiene (sapone, bagno schiuma, dentifricio); prodotti per la prima infanzia (biberon, pannolini, salviette); medicinali con scadenza ad almeno un anno, anche questi senza necessità di essere conservati n frigo.

Per i beni non compresi tra quelli indicati, è bene contattare preventivamente gli uffici della Protezione civile al numero telefonico 045-8052113 per verificarne la ricevibilità.

Per ulteriori informazioni scrivere a protezione.civile@comune.verona.it 

Donazioni:

con bonifico bancario a ASSOCIAZIONE DI CARITÀ SAN ZENO IBAN: IT 40 Z 05018 11700 000017091380 con causale: EMERGENZA UCRAINA

con bollettino postale ASSOCIAZIONE DI CARITÀ SAN ZENO ONLUS conto corrente postale: 001006070856 con causale: EMERGENZA UCRAINA

maggiori informazioni al numero 045 2379300 o tramite mail segreteria@caritas.vr.it o donazioni@caritas.vr.it

Donazioni sul conto speciale dell’Ambasciata d’Ucraina:  IBAN- IT20R0200805001000106358350 SWIFT: UNCRITM1886 Unicredit adress filiale di Roma V.D.C.SO B-FOR. 36000, va specificata la causale del bonifico ‘Accoglienza Ucraina’ 

Oltre agli alloggi che verranno messi a disposizione dalle associazioni cittadine, si aggiungono le strutture comunali. Sono stati individuati spazi e appartamenti da utilizzare per i bisogni immediati e soprattutto per chi si muove singolarmente. L’accoglienza degli arrivi attraverso i canali umanitari è infatti disposta dal Viminale attraverso i Prefetti e i centri di accoglienza.

Per le comunicazioni e le informazioni alla Prefettura, è attiva la casella di posta prefettura.verona@interno.it

Anche la Lega organizza una raccolta di beni dio prima necessità per l’Ucraina. sabato 12 marzo, dalle 10 alle 12.30, nella sua sede, in Via Prato Santo 21 chiunque è invitato a donare e a portare generi alimentari a lunga conservazione (pasta, riso, scatolame) che non richiedono l’uso di frigorifero), prodotti per l’igiene (sapone, bagnoschiuma, dentifricio), prodotti per la prima infanzia, (biberon, pannolini, salviette), medicinali con scadenza ad almeno un anno, senza necessità di essere conservati in frigorifero.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail