Basta trasferire il Circolo Ufficiali un poco più in là. Così Castelvecchio sarebbe tutto a disposizione della città

(di Marco Danieli) Arriva direttamente dai cittadini – qui il nostro video – la proposta per trasferire il Circolo Ufficiali che dagli anni ’20 del secolo scorso si trova in un’alaci Castelvecchio. Sul fatto che sia ormai giunto il momento per rendere fruibile il grande castello scaligero sito nel cuore di Verona nella sua interezza c’è grande consenso in città. Sia fra la gente, sia fra le forze politiche. Il problema è dove trasferirlo. Il Circolo Ufficiali necessita infatti di una sede centrale, prestigiosa, non può essere relegato in una casa qualsiasi. Su questo sono tutti d’accordo.. E la città non manca di sedia prestigiose disponibili. Anzi, ce ne sono anche in eccesso. A cominciare dall’enorme compendio dell’Ospedale Militare dismesso, situato in pieno centro in un’area delimitata da via Scalzi, corso Porta Palio e circonvallazione Oriani. Una serie di edifici, esempio di architettura  militare austriaca, praticamente inutilizzati.

L’associazione “Civica alleanza per un grande Castelvecchio” presieduta da Stefano Dindo, ha fatto oggi la sua proposta per bocca di Anna Pasti: trasferire il Circolo Ufficiali all’interno della grande struttura dove sorgeva l’Ospedale Militare, all’interno del Chiostro di S. Giacomo della Galizia. E non si tratta solo di un’idea buttata lì. E’ stato anche fatto un progetto completo, esecutivo, che l’associazione è disposta a donare all’Esercito in cambio della disponibilità al trasferimento. Certo tutto questo non è sufficiente. Ma può essere uno spunto, un inizio. Ora la palla passa alle istituzioni. Dovrà essere il Comune a decidere se la proposta è valida. Oppure fine o vagliarne delle altre. E poi ci dovrà essere una trattativa col Ministero della Difesa, attuale proprietario delibera e degli edifici in questione.

Una soluzione o l’altra non importa. Quel che conta è liberare tutta quella parte di Castelvecchio che oggi non è utilizzabile per fare del museo della città un museo al passo coi tempi, appetibile, vivibile, con aree relax, aule per la didattica, servizi e ristorazione.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail