Comunali 2024, a Lavagno il Centrodestra unito candida Matteo Vanzan

Il Centrodestra si ricompatta a Lavagno dove Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia sostengono la candidatura a sindaco di Matteo Vanzan, farmacista, da anni impegnato nell’attività sindacale (soprattutto a difesa delle farmacie rurali quelle che svolgono un servizio importantissimo nelle comunità più isolate) e nel volontariato col Banco farmaceutico.

Matteo Vanzan – con la sua civica Lavagno Rinasce – sfiderà il sindaco uscente Marco Padovani. «Sono molto grato a chi mi ha cercato e proposto la mia candidatura a Sindaco – spiega Vanzan -. Ho riflettuto molto prima di decidere, mi sono confrontato con la mia famiglia ed alla fine ho deciso di seguire la mia indole che mi ha sempre spinto a dedicare il mio impegno all’ambito sociale ed al civile. Ho ereditato la passione per la politica da mio padre che molti in paese ricordano, ma anche da amici che ho incontrato soprattutto durante gli anni universitari.

Quello che offro al Comune di Lavagno è, sostanzialmente, ciò che offro quotidianamente a chi incontro: c’è tanto bisogno di ascoltare ed io mi metto all’ascolto di chi si rivolge a me. Lo appuro ogni giorno nella mia farmacia che, oltre a dare sollievo alle strutture sanitarie, è diventato un punto di riferimento per la gente del posto. Faccio mio, quindi, il motto di Don Milani “I care”, “Mi sta a cuore” perché a me sta a cuore il bene del paese in cui sono nato, cresciuto, in cui sono nati i miei figli: questo è il mio impegno che cercherò di svolgere al meglio nei prossimi anni, se i miei concittadini lo riterranno opportuno».

Per il segretario Provinciale della Lega, Paolo Borchia: «Oggi qui a Lavagno si dà il calcio d’inizio per un centro destra unito. Sono molto onorato di supportare la candidatura di Matteo Vanzan, un uomo con grandi esperienze nel mondo del volontariato, che vuole bene alla propria comunità. Il simbolo esprime, con la parola “rinasce” lo scopo di fare meglio di chi ha amministrato finora: noi come Lega ci siamo ed esprimiamo il nostro supporto a Matteo Vanzan».

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail