Debutta il “nuovo” Consolini con la pista indoor e la pista esterna in manto colato. Sistemati ingressi e tribune

Un milione di euro, stanziati dall’Amministrazione comunale in tre anni, e il Consolini torna all’antico splendore. Con una novità, 5 corsie indoor lunghe 60 metri, con sabbiera per il salto in lungo. Sfruttando gli spazi sottostanti le nuove tribune, è stato creato uno dei pochi spazi al chiuso del Veneto per l’allenamento invernale. Rettilinei preziosi per gli atleti in caso di maltempo. Una ‘chicca’ per l’atletica veronese e per lo storico impianto scaligero, che la mattina ospita gli studenti degli Istituti superiori e il pomeriggio le società sportive. Prima è stata completamente rinnovata la pista di atletica esterna, rifatta la recinzione con i tornelli che garantiscono la sicurezza e il controllo degli ingressi, acquistate le nuove gabbie per il lancio del peso e martello, così come le aste per il salto in alto. Ora l’opera è stata completata con il rifacimento delle tribune esterne e dei bagni. Struttura da centinaia di posti che custodisce una sorpresa all’interno. Lo spazio sottostante gli spalti, infatti, non era mai stato sfruttato prima. Da oggi in poi, invece, gli sportivi potranno allenarsi anche al coperto.   

Questa mattina il sindaco Federico Sboarina e l’assessore allo Sport Filippo Rando hanno fatto il giro del campo per vedere i lavori ormai ultimati. Una soddisfazione per chi è cresciuto correndo all’interno dello storico impianto. Erano presenti, oltre ai volontari che seguono la struttura, il vicepresidente Fidal Marino Piccino, assieme a Sergio Visentini.

I lavori di riqualificazione, realizzati dal Comune, hanno comportato una spesa complessiva di circa un milione di euro. Quasi 600 mila euro erano stati spesi per il rifacimento dei 400 metri ovali della pista, con la posa di un manto colato al posto del precedente in tessuto; per le nuove postazioni per il lancio del disco, del martello e del giavellotto, così come per l’area dedicata al lancio dell’asta e al salto in alto. Altri 30 mila euro per le nuove recinzioni, che garantiscono l’ingresso controllato. È seguita poi la manutenzione di tutto l’impianto d’illuminazione della palestra che ospita il campo da calcetto.

Infine, 250 mila euro per il completo rifacimento della tribuna, isolata e coibentata proprio per sfruttare anche gli spazi interni. 

“Abbiamo completato una riqualificazione unica nella storia del Consolini, lavori per un milione di euro fondamentali per la vita di questo impianto e per l’atletica veronese – ha detto il sindaco Sboarina -. Gli studenti e gli atleti che si allenano all’interno di questa struttura potranno godere non solo di piste e strutture rinnovate, ma anche delle nuove corsie indoor, un gioiello ricavato in spazi mai sfruttati prima e che sono unici in Veneto. Siamo orgogliosi di aver riportato all’antico splendore lo storico impianto di Verona”. 

“E’ sicuramente il più importante intervento di riqualificazione nella storia del Consolini – ha detto Rando -. Dopo oltre 20 anni di attività, l’impianto infatti risale al 1999, diamo nuova vita all’unico centro sportivo di Verona dedicato completamente all’atletica leggera. Una grande soddisfazione, obiettivo è veder correre e crescere su queste corsie i futuri campioni”. 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail