Delegazione di Agricoltori Italiani al Ministero con proposte concrete

Quanto a Verona in occasione di FierAgricola il popolo dei trattori, che in quei giorni stava manifestando in tutto il paese e in tutta l’Europa, aveva incontrato Francesco Lollobrigida, aveva incassato la promessa del ministro dell’Agricoltura di diventare dei suoi interlocutori. Fra i motivi della protesta infatti c’era anche quello che gli imprenditori agricoli non si sentono rappresentati dalle organizzazioni di categoria ufficiali. Lollobrigida ha mantenuto l’impegno e assieme a Coldiretti e Confagricolura ha cominciato a dialogare anche con il popolo dei trattori.

agricoltori
agricoltori

Popolo che nel frattempo si è dato una struttura organizzativa di tipo ‘federale’ ed ha creato un coordinamento delle varie associazioni spontanee che erano sorte sul territorio. Una di queste, Azione Rurale, particolarmente forte nel Veneto ed a Verona – a Gazzo vive ed opera una dei suo leader, Vanni Stoppato– è entrata a far parte del Movimento degli Agricoltori Italiani e Rudy Stoppato è diventato il responsabile per il Veneto.

Di ritorno dalla manifestazione di protesta internazionale organizzata a Bruxelles il 4 giugno, Stoppato ha partecipato questa mattina assieme a una delegazione di Agricoltori Italiani ad un tavolo di confronto con il ministero dell’Agricoltura. Ad affiancare gli agricoltori 4 avvocati e 4 tecnici esperti del settore.

Le proposte degli agricoltori

«Nel corso dell’incontro la delegazione – ha spiegato Stoppato– ha portato delle proposte e delle modifiche di legge per quanto riguarda l’ultimo decreto di maggio. Sono stati anche suggeriti alcuni spunti per il Granaio Italia e per la problematica della siccità. Il ministero ha accolto le nostre istanze invitandoci a confrontarci con i tecnici e commissari di Ismea. Mettendo a protocollo le nostre richieste, vedremo nel prossimo periodo come verranno elaborate le nostre proposte dai tecnici del ministero. Nel frattempo – ha concluso il rappresentante di Agricoltori Italiani- continueremo a fare il nostro percorso nei tavoli e nelle strade fino a che il nostro settore non avrà dei risultati effettivi».

0 / 100

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail