Domani al Filarmonico il Concerto n°1 di Paganini e la Quarta Sinfonia di Beethoven

(di Gianni Schicchi) Il sesto concerto della Stagione Sinfonica della Fondazione Arena al Teatro Filarmonico, in programma domani sera alle ore 20 (con replica sabato alle 17), vedrà il debutto veronese di due musicisti di vaglia. Si tratta del direttore romano Pietro Rizzo e del violinista franco-russo Fedor Rudin che affronteranno il Concerto n° 1 di Paganini e la Quarta Sinfonia di Beethoven. 

Rizzo vanta la presenza su podi internazionali molto importanti, da quelli del Maggio Fiorentino, al Metropolitan di New York, ai teatri di Dresda, Monaco, Berlino e Tokyo. Il giovane franco-russo Fedor Rudin, nemmeno trentenne, è già vincitore dei premi Paganini, Enescu, Gitlis e primo violino degli aurei Wiener Philharmoniker. È stato diretto dai più grandi maestri del momento e anch’egli per la prima volta a Verona con la voce del suo prezioso strumento Storioni del 1779. Il celebre Primo Concerto di Paganini in programma è scelta che richiede una particolare “scordatura” al violino solista d’intesa con l’orchestra per raggiungere sonorità all’epoca inedite e virtuosismi tuttora difficili da gestire, tanto che, dopo la prima esecuzione nel 1815, l’opera si diffuse nella più agevole tonalità di re maggiore, fino ad oggi la più eseguita e incisa. Articolato nei tre tipici movimenti del concerto classico, per poco meno di 40 minuti di musica, unisce la struttura bitematica della forma-sonata con una cantabilità e una melodia rigogliosa tutte italiane, con passaggi di enorme difficoltà tecnica per gli ampi interventi solistici. 

Fondazione Arena prosegue poi con l’esecuzione integrale delle sinfonie di Beethoven, dove occupa un posto speciale la Sinfonia n° 4 in si bemolle maggiore, concepita rapidamente nel 1806 su commissione del Conte von Oppersdorf, durante la lunga gestazione della ben più rivoluzionaria Quinta Sinfonia. Il 6° concerto della Stagione Sinfonica 2022 è riservato agli abbonati del turno A, con un programma musicale di 75 minuti circa e un intervallo, mentre la replica di 23 aprile alle 17 a quelli del turno B. L’accesso agli spettacoli è consentito esclusivamente agli spettatori muniti di certificazione verde Covid-19 di avvenuta vaccinazione o guarigione (Green Pass rafforzato). È inoltre confermato l’obbligo di mascherina modello ffp2: tutte le informazioni e gli aggiornamenti al link https://www.arena.it/it/teatro-filarmonico/info-covid

Proseguono anche le iniziative di Arena Young, rivolte a studenti e personale di scuole, università, accademie. Per ogni appuntamento è confermato il Ritorno a teatro: un percorso di avvicinamento all’opera e alla musica sinfonica proposto dalla Fondazione Arena di Verona. Il mondo della Scuola potrà assistere alle rappresentazioni in cartellone al Teatro Filarmonico, con l’opportunità di partecipare ad un Preludio un’ora prima dello spettacolo: un momento di approccio al linguaggio musicale, che avrà luogo nella Sala Maffeiana. Per il 6° concerto sinfonico è possibile partecipare al Preludio venerdì 22 aprile alle 19. 

Informazioni e prenotazioni: scuola@arenadiverona.it – tel 045 8051933 (Ufficio Formazione).

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail