Due delinquenti arrestati dalla polizia subito dopo aver commesso una rapina e un furto

Si è avvicinato ad un giovane chiedendogli una sigaretta e, dopo aver ricevuto risposta negativa, gli ha strappato con forza dal collo una catenina d’oro. Dopo una breve colluttazione con la vittima, il malvivente ha poi tentato di fuggire ma è stato raggiunto e arrestato dagli agenti delle Volanti della Polizia. È accaduto questa notte, poco dopo l’una, in Corso Porta Nuova.
Il malvivente – un 20enne già noto alle forze dell’ordine per precedenti per rapine, furti, ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale e per reati in materia di stupefacenti –  dopo aver sottratto la catenina, ha colpito la vittima che aveva tentato di bloccarlo, per poi fuggire a piedi inseguito dal giovane malcapitato.

La fuga del delinquente è stata breve: in pochi minuti, infatti, è stato raggiunto in via Faccio dagli agenti delle Volanti, allertati dalla vittima, che lo hanno arrestato per rapina. Questa mattina il giudice ha convalidato l’arresto e disposto nei suoi confronti la misura della custodia cautelare in carcere. Ha raggiunto alle spalle una donna, le ha sottratto la borsetta custodita nel cestino della bicicletta ed è scappato a piedi, ma il malvivente è stato inseguito da alcuni passanti che avevano assistito alla scena e poi arrestato dagli agenti delle Volanti.

È accaduto lunedì, poco dopo le 15 in Via Camuzzoni. La vittima stava rientrando a casa in bicicletta insieme ai due figli. Il ladro, alla vista dei poliziotti, ha gettato a terra la refurtiva e ha tentato di opporsi all’arresto. Oltre alla borsa appena rubata, occultato tra gli indumenti intimi del giovane, gli agenti delle Volanti hanno rinvenuto anche uno smartphone di cui il giovane non ha saputo giustificare il possesso. Al termine degli accertamenti il giovane è stato arrestato per furto aggravato, ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale. Ieri mattina, dopo la convalida dell’arresto, il giudice ha disposto nei suoi confronti la misura dell’obbligo di presentazione quotidiana alla polizia giudiziaria. 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail