Gaspari Foundation. Presentata la 5ª Stagione Concertistica dell’Orchestra da camera L’Appassionata

(di Gianni Schicchi) L’Orchestra da camera L’Appassionata della Gaspari Foundation ha presentato questa mattina in Sala Arazzi del Comune la sua quinta stagione concertistica. Una nuova rassegna, ricca di bei nomi del concertismo nazionale ed internazionale, a cominciare da quello del solista che ne aprirà i battenti il prossimo 17 marzo in Sala Maffeiana: la violinista cagliaritana Anna Tifu.

La celebre concertista non ha ormai bisogno di attenzioni e notizie sulla carriera dopo il suo brillante diploma (a soli 15 anni) e dopo le strepitose performance con le orchestre di Santa Cecilia a Roma, la Rai di Torino, i teatri di Milano, Genova, la Fenice di Venezia, il Filarmonico e il Ristori di Verona, ma pure quelle in giro per tutta l’Europa, la Russia e gli Stati Uniti. La sua avvenenza fisica, oltre alla strepitosa abilità con cui tratta lo strumento, le hanno aperto anche molte altre strade. Quella della moda, per esempio con la maison Fendi e il Premio donna 2020 e della pubblicità, dove è stata testimonial di Alitalia. 

Gaspari

Il 17 marzo alle 11 si misurerà in Sala Maffeiana con L’Appassionata, guidata dal maestro concertatore Lorenzo Gugole, in Vivaldi Recomposed (arrangiamento dalle Quattro Stagioni) di Max Richter e nel Concerto per quattro violini dello stesso Vivaldi.

Questa mattina alla presentazione in Sala Arazzi erano presenti, oltre all’assessora Marta Ugolini, il patron di Gaspari Foundation, Giuseppe Gaspari e il direttore artistico de L’Appassionata, il flautista Tommaso Benciolini. Intenti i due, ad illustrare le finalità con cui il primo, vero mecenate della cultura veronese, ha progettato di fondare l’Orchestra L’Appassionata e il secondo a spiegare i criteri con cui è stata predisposta la quinta rassegna concertistica, sempre ad ingresso libero per il pubblico, previa prenotazione.

Gli altri appuntamenti, come dalle intenzioni del fondatore della rassegna, preferiranno esibizioni di giovani affermati del concertismo, a partire dal chitarrista parmigiano Giampaolo Bandini, oggi considerato tra i migliori dello strumento in Italia, che con il bandoneista chietino Cesare Chiacchiaretta regaleranno al pubblico, domenica 24 marzo alle 11, una intera mattinata di tanghi di Astor Piazzolla.

Il terzo appuntamento è previsto per domenica 14 aprile, con il violinista russo (ma insegna a Parigi) Vadim Tchijik ed il pianista francese Hugues Leclere, in un impegnativo concerto che comprenderà la Sinfonia da camera op. 100 di Shostakovich e il Concerto per violino di Mendelssohn.

Vero clou della rassegna sarà il 12 maggio (ore 18), l’unico al Teatro Filarmonico, quando Lorenzo Gugole affronterà con i colleghi de L’Appassionata, tutti i sei Concerti Brandeburghesi di Bach. La rassegna si completerà con il quinto e sesto concerto. Il primo è previsto per il 19 maggio, Virtuoso, in cui il pluripremiato pianista ungherese Janos Balazs renderà omaggio ad un genio del suo paese suonando il Primo Concerto di Liszt, con L’Appassionata a misurarsi dopo con la Serenata per archi di Dvorak. Il secondo é programmato per il 2 giugno, Suono Italiano, con Tommaso Benciolini al flauto in musiche di Respighi, Rota e del direttore d’orchestra concittadino Andrea Battistoni.

Gaspari
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail