Il nord rimane ancora a secco e l’aria peggiora ancora. Niente pioggia. Da martedì temperature miti

Una corrente d’aria fredda artica sta per raggiungere le Alpi. Logica vorrebbe che scontrandosi con l’aria più tiepida ed umida che ristagna sulla pianura Padana possa dare luogo a delle precipitazioni, che sarebbero benedette non solo dai contadini, ma da tutti,visto che il, livello di polveri sottili, specie nelle città, è ormai da settimane molto al di sopra del livello di guardia. E invece dalle nostre parti non succederà proprio niente e continueremo a respirare smog perché la massa d’aria provenente dall’Artico aggirerà l’arco alpino e arriverà in Italia dalla “porta del Rodano” e investirà sotto forma di Maestrale la penisola centro-meridionale.

Quindi pioverà e nevicherà sopra i 700 metri al Centro-sud, mentre noi al noi rimarremo ancora a secco di precipitazioni, tanto che la siccità comincia a preoccupare.

Da mercoledì tornerà l’alta pressione su tutte le regioni, salvo neve sulle Alpi. Le temperature cominceranno a salire a causa dei venti caldi di caduta dalle Alpi e a Verona arriveranno anche a 12° gradi.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail