Infortuni sul lavoro, il Veneto precipita verso la zona rossa: 47 decessi a giugno, dieci in provincia di Verona, la peggiore in regione

Nel primo semestre del 2022 sono 47 le vittime sul lavoro in Veneto: 33 decedute “in occasione di lavoro” e 14 “in itinere”, cioè nel percorso da casa alla sede di lavoro. Lo scorso anno erano 40 in totale. Sono dunque 7 decessi in più del 2021. Così l’emergenza continua ad aggravarsi in regione. E il Veneto rimane ancorato al 2° posto nella graduatoria nazionale per numero di decessi in occasione di lavoro dopo la Lombardia (52). Sono 342 in tutto il Paese. Con questi dati, dunque, il Veneto si mantiene purtroppo ancorato alla zona arancione nella mappatura dell’Osservatorio Sicurezza Vega Engineering di Mestre.

“Continuare a rimanere in zona arancione significa vivere in un’area ad elevato rischio di morte sul lavoro. Perché – spiega Mauro Rossato, Presidente dell’Osservatorio Sicurezza Vega Engineering di Mestre – si tratta di un rapporto tra infortuni e popolazione lavorativa ben superiore alla media nazionale. Tra l’altro è opportuno precisare che in questi numeri sono quasi completamente spariti gli infortuni mortali per COVID. Ciò fa concludere che gli infortuni mortali accaduti durante il lavoro, esclusi i casi COVID, sono aumentati ancor di più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso”.

Per agevolare la lettura dei dati sul rischio di morte sul lavoro, l’Osservatorio mestrino ha ideato ed elaborato la mappatura del rischio di morte sul lavoro, dividendo l’Italia a colori proprio alla stregua della mappatura utilizzata durante l’emergenza pandemica.

La zona arancione, quella in cui rientra il Veneto grazie esclusivamente ai dati registrati dalle province di Padova e Treviso che sono in zona bianca, è la fascia che – dopo la rossa – raggruppa le regioni con l’incidenza tra le più alte per gli infortuni mortali sul lavoro e dunque superiore alla media nazionale.

Da gennaio a giugno 2022, infatti, il Veneto ha un’incidenza infortunistica di 15,9, compresa tra il valore medio nazionale (15,2 morti sul lavoro ogni 1.000.000 di occupati) ed il 125% dell’incidenza media nazionale.

E, sebbene, il Veneto rientri in zona arancione, buona parte delle province venete si trovano in zona rossa, ad eccezione di Padova e Treviso che sono nella più virtuosa zona bianca. Rovigo la provincia veneta in cui i lavoratori rischiano di più (indice di incidenza pari a 32,3 contro una media regionale di 15,9. Seguono: Verona (24,8), Belluno (23,3), Venezia (23), Vicenza (21,4). A Padova e a Treviso l’incidenza scende a 2,6.

Per quanto riguarda il numero dei decessi in occasione di lavoro nei primi sei mesi del 2022 sono 33 e vengono rilevati in provincia di: Verona (10), Vicenza e Venezia (8), Rovigo (3), Belluno (2), Padova e Treviso (1).

Nei primi sei mesi dell’anno crescono del 38% le denunce di infortunio totali: erano 33.312 a fine giugno 2021, sono 45.814 nel 2022. Sanità, Attività manifatturiere, Trasporti e Costruzioni sono i settori più colpiti. Alla provincia di Treviso la maglia nera in regione per il più elevato numero di denunce totali di infortunio: 9.020. Seguono: Vicenza (9.016), Verona (8.510), Venezia (8.369), Padova (7.398), Belluno (1.853) e Rovigo (1.648).

Infine sono 19.108 le denunce delle donne lavoratrici e 26.706 quelle degli uomini.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail