Mammografo di ultima generazione a Bovolone per far ripartire la prevenzione del tumore al seno

L’Azienda Ulss 9 Scaligera di Verona è una delle strutture sanitarie identificate da Fucina Sanità sull’intero territorio nazionale per ricevere un mammografo di ultima generazione, donato grazie alla straordinaria collaborazione tra Roche Italia e Fujifilm Italia, per la prima volta insieme con la campagna “Screening Routine”. Il mammografo sarà installato presso l’UOC di Radiologia, sala 2, del Distretto 3 Pianura Veronese nella sede dell’Ospedale San Biagio a Bovolone. L’iniziativa punta a supportare la ripresa delle attività di prevenzione del tumore al seno, che hanno subito una pesante battuta d’arresto durante la pandemia: le donne di età compresa fra i 50 e i 74 anni residenti in provincia di Verona riceveranno a casa una lettera di invito da parte dell’ULSS 9. La donna dovrà presentarsi nel giorno e nell’orario indicato, oppure spostare o fissare l’appuntamento telefonando o scrivendo ai recapiti presenti nella lettera d’invito oppure accedendo al Portale Screening Regionale.

L’esame di screening è completamente gratuito, non serve l’impegnativa del medico, ma basta portare con sé la lettera d’invito e la tessera sanitaria. È consigliato portare con sé anche le lastre dell’ultima mammografia, se eseguita in un’altra struttura. È possibile inoltre ottenere un certificato per giustificare l’assenza dal lavoro.

Le indagini condotte dall’Osservatorio Nazionale Screening evidenziano dati allarmanti: nei primi 5 mesi del 2020, quelli più fortemente impattati dalla pandemia, si è assistito ad un calo dello screening mammografico pari al 53,6% vs 2019, attestatosi al -37,6% considerando l’intero 2020 -con un ritardo accumulato di 2,8 mesi,dato che sale a 4,5 mesi considerando l’intero 2020. Un trend negativo che, secondo uno studio pubblicato su Lancet su dati relativi alla popolazione in UK, si stima potrebbe tradursi in un aumento della mortalità a 5 anni per tumore al seno tra l’8 e il 9%.

Una situazione senza precedenti che richiede, quindi, una sinergia e un impegno eccezionali da parte di tutti gli attori del Sistema Salute per recuperare il tempo perduto e invertire questo trend, ripartendo con lo screening mammografico e avvicinando nuovamente le donne ad una sana e regolare routine di prevenzione.

Guardando più da vicino la situazione a livello locale, in Veneto secondo il Rapporto AIOM-AIRTUM si registrano ogni anno 4900 nuovi casi di tumore al seno. I dati regionali dell’Osservatorio Nazionale Screening riportano di -63.639 donne (fascia 50-69 anni) chiamate (-19,2%) ad effettuare la mammografia nel 2020 rispetto al 2019, per un totale di -54.139 (-25,1%) donne esaminate e un ritardo accumulato pari a 3 mesi.

«Il sistema mammografico digitale AMULET Innovality e la workstation AMULET Bellus II (Fujifilm) – spiega il Dr. Giulio Cesaro, Direttore della Radiologia di Legnago – sono apparecchiature diagnostiche all’avanguardia per lo svolgimento di mammografie e di interpretazione e refertazione delle immagini prodotte. Questa nuova strumentazione permetterà di recuperare in maniera più agevole e celere le prestazioni di screening mammografico a favore non solo delle utenti residenti nelle zone limitrofe alla sede di Bovolone, ma anche di tutta l’ULSS 9 Scaligera».

Prioritario, nell’ottica di rilanciare lo screening mammografico è, inoltre, il tema dell’aggiornamento tecnologico e digitale dei macchinari, identificato come un’area chiave anche nell’ambito del PNRR: il recente rapporto Monitor 45 curato da AGENAS, dedicato al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, mette in evidenza lo stato di obsolescenza di molte apparecchiature sanitarie in dotazione delle nostre strutture sanitarie e tra questi rientrano anche i mammografi, di cui ben il 27% risulta avere tra i 6 e i 10 anni, a cui si somma un ulteriore 22% in uso da oltre 10 anni.

L’Azienda ULSS 9 Scaligera di Verona è stata selezionata nell’ambito della Campagna “Screening Routine” per ricevere la donazione di un mammografo di ultima generazione da un ente indipendente come Fucina Sanità, che ha adottato 6 criteri rigorosi, in ordine di priorità: coerenza con le programmazioni nazionali e regionali; equilibrata distribuzione geografica a livello nazionale e nella scelta delle Asl metropolitane e provinciali; percentuale di esami in meno nel 2020 rispetto agli anni precedenti; necessità di sostituzione delle apparecchiature obsolete, con particolare attenzione a quelle analogiche rispetto alle digitali presenti in ogni Regione; strutturazione organizzativa delle Direzioni aziendali e delle Strutture da coinvolgere sulla base dei risultati attesi in termini di abbattimento delle liste di attesa.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail