Nei primi quattro mesi dell’anno scomparsi 3.5589 ragazzi. Perché?

Nei primi quattro mesi dell’anno scomparsi 3.5589  minori. Costituiscono il 64,63% del totale delle denunce di scomparsa (5.553). 1.180 sono italiani e 2.409 stranieri.Il 72,11% degli italiani e il 31,17% degli stranieri viene ritrovato.
Secondo i dati del Ministero dell’Interno, nel 2021 i minori scomparsi sono stati in totale 12.117 (cioè il 62,88% del totale delle denunce di scomparsa, che ammontano a 19.269), di cui il 3.324 italiani e 8.793 stranieri. La percentuale dei ritrovamenti è del 79,27% per gli italiani e del 26,35% per gli stranieri.
Più della metà delle denunce riguarda minori, con una prevalenza di stranieri entrati clandestinamente in Italia. I minori italiani scomparsisono spesso vittime di disagi familiari e relazionali ovvero di concause che ne provocano l’allontanamento: droga, debiti, cyberbullismo, adescamenti in web, casi di revenge porn. Altri casi, invece, riguardano minori vittime di contese familiari o genitoriali.

Cosa fare se un ragazzo scompare? Bisogna chiamare subito le forze di polizia per avviare le ricerche. Le ore immediatamente successive alla scomparsa sono fondamentali per le ricerche e per scongiurare i rischi anche per l’incolumità del minore. E’ quindi fondamentale denunciare subito la scomparsa presso gli uffici delle Forze di Polizia e, nell’immediatezza, contattando il 1-1-2 Numero Unico di Emergenza. In Italia è inoltre attivo – grazie a un Protocollo tra Ministero dell’Interno e Telefono Azzurro – anche il numero unico europeo per i minori scomparsi 116000.
La Polizia in caso di scomparsa di persone, mette a disposizione anche l’app YouPol, nata per segnalare episodi di spaccio e bullismo ed estesa anche ai reati di violenza domestiche. Oggi tramite YouPol chiunque può segnalare notizie ritenute utili alla ricerca e al rintraccio di persone scomparse. L’app, accessibile dal sito della Polizia di Stato e dagli store iOS e Android, offre la possibilità di trasmettere in tempo reale messaggi ed immagini agli operatori della Polizia di Stato impegnati nelle Sale operative delle Questure.
   

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail