Open Day Emicrania a Verona. Visite gratuite il 27 maggio

In occasione della Settimana Nazionale dedicata al mal di testa, l’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona parteciperà all‘Open Day Emicrania, organizzato dalla Fondazione Onda, offrendo servizi clinico-diagnostici e informativi gratuiti alla popolazione il prossimo lunedì 27 maggio.

A Borgo Roma le consulenze specialistiche per la cefalea si terranno presso l’UOC Terapia del Dolore, nell’Edificio Nord, al primo piano, Scala A, Sala Meeting. Gli orari disponibili sono dalle 8.30 alle 10.30. La prenotazione è obbligatoria e può essere effettuata chiamando il numero 045/8126076.

emicrania

A Borgo Trento le visite neurologiche specifiche per l’emicrania si svolgeranno presso gli ambulatori del Polo Chirurgico, piano 0 lato Adige, Ambulatorio A. Gli orari sono dalle 12.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 15.00. Anche in questo caso, è necessaria la prenotazione, da effettuarsi al numero 045/8122690.

emicrania

L’emicrania è una patologia cronica che affligge circa il 12% della popolazione adulta a livello mondiale, con una prevalenza tre volte maggiore nelle donne rispetto agli uomini. L’Organizzazione Mondiale della Sanità classifica l’emicrania come la terza malattia più comune e la seconda più disabilitante al mondo, evidenziando l’enorme impatto umano, sociale ed economico che comporta.

Dal 2007, la Fondazione Onda attribuisce il Bollino Rosa agli ospedali che offrono servizi specializzati per la prevenzione, diagnosi e cura delle principali patologie femminili. Questo riconoscimento è parte di un network di 361 ospedali in tutta Italia, che collaborano per promuovere un approccio “di genere” nella definizione e nella programmazione dei servizi clinico-assistenziali. Questo approccio è fondamentale non solo per garantire il diritto alla salute delle donne, ma anche per migliorare la qualità delle cure per tutti i pazienti, uomini compresi.

Per ulteriori informazioni e per prenotare una visita, contattare i numeri indicati per i rispettivi poli ospedalieri.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail