Stasera il Comune spegne l’Arena come segnale al governo sul caro bollette

Anche il Comune di Verona aderisce alla manifestazione simbolica promossa da Anci per porre l’attenzione sul tema del rincaro dei costi delle bollette, che pesa sui Comuni oltre che sulle famiglie e sulle imprese. Questa sera alle 20 verrà spenta l’Arena, monumento simbolo della città, che rimarrà al buio per un’ora. “L’aumento dei costi ha un impatto fortissimo sulle tasche dei cittadini e sulla vita delle imprese – afferma il sindaco Federico Sboarina -. Utenti che, in prima istanza, chiedono legittimamente aiuto ai Comuni, i quali invece hanno le mani legate due volte. Nessun sindaco da solo è in grado di fornire ristoro perché si tratta di cifre troppo elevate su cui solo il Governo può intervenire, in secondo luogo perché anche i Comuni sono ugualmente vittime a loro volta, al pari delle famiglie e delle imprese. Per questo Verona aderisce alla manifestazione simbolica indetta dall’Anci Nazionale, questa sera l’Arena resterà al buio per un’ora, un gesto simbolico per porre la dovuta attenzione sul tema, per muovere al Governo un grido di aiuto e segnalare le forti criticità che ci troviamo a gestire, senza paracadute. Anche la finanza pubblica e, quindi, i bilanci comunali subiscono il rincaro delle bollette, che per noi quest’anno significa 6 milioni di euro in più. Soldi che come Amministrazione avremmo preferito utilizzare per altre voci del bilancio, a cominciare dai servizi per i cittadini. Fino ad oggi siamo riusciti a mantenere invariati e garantirne non solo l’erogazione ma anche la qualità, ma se questa emergenza non viene affrontata e risolta al più presto, si rischia seriamente di dover fare tagli dolorosi”. 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail