Teatro Filarmonico, è un successo La Gioconda di Amilcare Ponchielli: repliche sino a domenica

Passioni forti, melodie generose, colpi di scena, grandi voci: la potenza melodrammatica de La Gioconda è arrivata sul palcoscenico del Teatro Filarmonico a distanza di 17 anni dalle ultime recite veronesi. Dieci minuti di applausi hanno accolto la prima. Posti ancora disponibili per le prossime repliche con nuovi debutti nel cast, Orchestra e Coro di Fondazione Arena a pieni ranghi diretti dal maestro Ommassini, veneziano come l’ambientazione dell’opera.

Il capolavoro di Amilcare Ponchielli nacque in un’epoca di transizione fra stilemi “tradizionali” romantici e verdiani, scoperte d’Oltralpe e imminente Verismo: il difficile equilibrio tra l’invenzione melodica del compositore e lo sperimentale libretto di Boito fu trovato felicemente dall’esordio alla Scala nel 1876 in poi, grazie anche all’incontro con grandi interpreti vocali come Gigli, Callas, Pavarotti, tutti anche protagonisti in Arena. Titolo spettacolare per situazioni drammatiche ma anche per dispiego di forze in scena, è stato molto amato e replicato nei Festival in Anfiteatro dal 1925 al 2005; in una nuova veste è ora in scena al Teatro Filarmonico per la prima volta nella storia di Fondazione Arena fino a domenica 30 ottobre.

Lo spettacolo, che colloca la vicenda proprio in quel delicato passaggio storico in cui fu composta l’opera, è frutto di un’importante coproduzione con lo Slovene National Theatre di Maribor, i Teatri di OperaLombardia e il Massimo Bellini di Catania.

 Il nuovo allestimento è firmato da Filippo Tonon per regia, scene e costumi (con Carla Galleri), con Fiammetta Baldiserri (luci) e Valerio Longo (coreografie) e diretto dal veneziano Francesco Ommassini, che guiderà l’Orchestra areniana e il Coro preparato da Ulisse Trabacchin anche in tournée nelle repliche di novembre a Cremona, Como, Brescia e Pavia. In scena si alternano interpreti di rilievo: si confermano la giovanissima cubano-americana Monica Conesa nel ruolo protagonista, come Barnaba il baritono Angelo Veccia e il basso Simon Lim come Alvise Badoero; come Enzo debutta Samuele Simoncini prima e dopo il ritorno di Angelo Villari. Laura Adorno è affidata ad Agnieszka Rehlis e, domenica 30, a Teresa Romano. Nei ruoli di fianco tornano Agostina Smimmero come madre Cieca di Gioconda, Alessandro Abis come Zuane e Francesco Pittari come Isepo. Completano il cast gli areniani Francesco Azzolini (un Cantore), Maurizio Pantò (un Pilota), Nicolò Rigano (un Barnabotto), Dario Righetti e Jacopo Bianchini (voci) e la partecipazione straordinaria del Coro di Voci bianche A.Li.Ve. diretto da Paolo Facincani. La celeberrima Danza delle ore è interpretata dalle prime ballerine Evgenija Koskina, Tetiana Svetlicna, Mina Radakovic.

La Gioconda va in scena per le ultime repliche mercoledì 26 ottobre (alle 19), venerdì 28 ottobre (alle 20) e domenica 30 ottobre (alle 15.30). Si ricorda che per l’accesso agli spettacoli non è più obbligatoria la presentazione di certificazione verde Covid-19 né l’uso di mascherina. Sono disponibili biglietti in diversi settori del Teatro e nuove formule di mini-abbonamento e carnet per vedere gli ultimi appuntamenti della Stagione 2022 a prezzi convenienti: https://www.arena.it/it/teatro-filarmonico

Con la Stagione Lirica 2022, riprendono le iniziative di Arena Young, rivolte a studenti e personale di scuole, università, accademie. Fra queste è anche il Ritorno a teatro, un percorso di avvicinamento all’opera e alla musica sinfonica proposto dalla Fondazione Arena di Verona: il mondo della Scuola potrà assistere alle rappresentazioni in cartellone per la Stagione Artistica 2022 al Teatro Filarmonico, con l’opportunità di partecipare ad un Preludio un’ora prima dello spettacolo, un momento di approccio alla trama, ai personaggi e al linguaggio del teatro in musica, che avrà luogo nella prestigiosa Sala Maffeiana. Per La Gioconda è possibile partecipare al Preludio venerdì 28 ottobre alle 19. Informazioni e prenotazioni: Ufficio Formazione scuola@arenadiverona.it – tel 045 8051933.

Novità di biglietteria: sono disponibili nuovi mini-CARNET di FINE STAGIONE per la Stagione Lirica e la Stagione Sinfonica 2022, per offrire agli spettatori una scelta ancora più ampia e flessibile tra i programmi preferiti nell’offerta artistica della Fondazione Arena di Verona al Teatro Filarmonico.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail