200 mila in piazza a Roma in violazione della legge elettorale

Ieri 200 mila persone convenute da tutt’Italia hanno manifestato a Roma “contro il,fascismo”. E’ la risposta della Cgil all’attacco subito sabato scorso alla sede nazionale del sindacato. Si è trattato di una grande manifestazione squisitamente politica e con chiara impronta di sinistra. 

Una risposta alla devastazione subita ad opera di Forza Nuova è più che legittima. Solo che ieri a Roma vigeva il silenzio elettorale essendo oggi la data fissata per il ballottaggio. Silenzio che è stato ampiamente violato dai 200 mila manifestanti e dagli oratori che hanno arringato la folla. Presente anche il candidato sindaco di Roma della sinistra Gualtieri. Ero restando che la manifestazione avrebbe avuto lo stesso rilievo anche se fosse stata fatta il lunedì, nel rispetto della legge.

Così si è creato un precedente. Sarà bello vedere come si comporteranno Ministri e Prefetti nel caso in cui, richiamandosi proprio a quanto avvenuto ieri, il centrodestra organizzasse in qualche città d’Italia una manifestazione politica il giorno prima delle elezioni.

Scommettiamo che verrebbe vietata?

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail