Amministrazione comunale e Amia impegnate per scovare i maleducati delle immondizie

10 nuove telecamere fotovoltaiche, quindi più facilmente dislocabili, s’aggiungono a quelle già in uso per scoprire quei cittadini incivili che lasciano i loro rifiuti sul marciapiede o addirittura scaricano mobili, lavatrici, frigoriferi e chi più ne ha più né metta in giro per la città. Attraverso le telecamere ed i controlli di vigili in borghese impegnati proprio per questo servizio solo nel mese di gennaio sono stati scoperti 55 maleducati che hanno avuto comportamenti incompatibili con il comune senso civico e che pagheranno multe  fino a 450 euro. Il comandante della Polizia Locale Altamura ha anche fornito dei dati interessanti per capire chi sono i maleducati. Su 55, 42 sono italiani, di cui 36 residenti in città e 6 nei comuni della provincia, e 13 stranieri. Si tratta di persone prive dei fondamentali dell’educazione, che per semplice indolenza, non si prendono nemmeno la briga di aprire il cassonetto, ma depositano il sacchetto delle immondizie sul marciapiede. Le telecamere hanno anche immortalato quelli che abbandonano i rifiuti ingombranti fuori dai cassonetti e che gli addetti Amia devono poi andare a rimuovere. Basterebbe una semplice telefonata. Ma tra gli incivili ci sono anche quelli che versano oli sulla strada, come avvenuto in via Sesini o amianto come a Porto S. Pancrazio.

L’Amia e il Comune sono impegnati in sinergia per combattere il fenomeno. L’aria in questo momento risente ancora delle assenze di personale dovute al Covid, sia per malattia che per quarantene. Ma già da oggi, ha annunciato il presidente Tacchella le assenze da si sono dimezzate, passando da 60 a 30. E questo fa ben sperare per un ritorno alla normalità.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail