Chirurgia Senologia di San Bonifacio, borsette porta drenaggi alle pazienti in uscita. Così è nata una bellissima tradizione

Un piccolo grande dono per le pazienti che, al termine delle cure, lasciano il reparto di Chirurgia Senologia dell’Ospedale Fracastoro di San Bonifacio. Sono borsette e sacchetti porta drenaggio realizzati a mano dalle volontarie, donati poi alle donne operate al seno.

Alla cerimonia di donazione delle borsette porta drenaggio nel reparto di Chirurgia Senologia dell’Ospedale di San Bonifacio erano presenti, in rappresentanza dell’Azienda ULSS 9 Scaligera e dell’intero reparto:  dr.ssa Denise Signorelli, Direttore Sanitario Azienda ULSS 9 Scaligera; dr.ssa Chiara Benassuti, Chirurgo, Responsabile UOSD Chirurgia Senologia di San Bonifacio – Distretto 1-2; dr.ssa Enrica Verzola, Chirurgo senologo; Anita Zampieri, Coordinatore infermieristico area omogenea Dipartimento Chirurgico Assunta Bignotto, Coordinatore infermieristico week surgery Dipartimento Chirurgico; Mara Montanari, volontaria; Marica Filippozzi, infermiera professionale; Giovanna Bolcato, infermiera professionale; Martina Pavan, operatrice socio sanitaria; Francesca Brusamento, operatrice socio sanitaria (nella foto in apertura).

Durante l’intervento potrebbero essere stati posizionati uno o più drenaggi per prevenire un eccessivo accumulo di liquido nelle ferite  chirurgiche. Tali drenaggi, che non impediscono i normali movimenti, potrebbero rimanere in sede per alcuni giorni anche dopo la dimissione. Al ritorno a casa, la donna operata al seno dovrà gestire il drenaggio della ferita fino alla prima visita di controllo. Il tubo di drenaggio fuoriesce da un piccolo foro sotto il seno o a livello dell’ascella dove è fissato con un punto che ne assicura l’ancoraggio. Tale tubo è connesso ad un serbatoio di raccolta, che sarà necessario svuotare giornalmente fino al giorno prima della visita. Lo svuotamento del drenaggio non è un’operazione complessa e la paziente può svolgerla autonomamente al proprio domicilio, seguendo l’apposita procedura.

Fino a qualche  anno fa alla dimissione il drenaggio e il serbatoio di raccolta venivano solitamente nascosti dalle pazienti tra i vestiti dentro un sacchettino di plastica. Da qui l’idea, agli inizi del 2018, di Angela (nome di fantasia), una paziente brava nell’arte del cucito che ha realizzato per sé una borsetta colorata di cotone, da mettere a tracolla senza la necessità di doverla nascondere e senza la paura che venisse tirata per errore. Gli infermieri del reparto di Chirurgia Senologia dell’Ospedale di San Bonifacio sono sorpresi dal sacchettino di Angela: «Ci ha davvero colpito questa sua idea e così le abbiamo chiesto se fosse disposta, una volta che si fosse ristabilita completamente, a confezionare borsette come la sua, da donare ad altre pazienti. Dopo 15 giorni Angela ce ne ha portate 10». Inizia così la donazione della borsetta a tutte le pazienti dimesse con il drenaggio all’Ospedale di San Bonifacio.

Grazie al passaparola, sempre più pazienti nei mesi successivi si sono messe all’opera, chi procurando  tessuti, chi cucendo, chi creando fiocchetti per impreziosire i sacchettini e le borsette, in un moto di solidarietà femminile. Il tempo necessario per cucire un sacchetto varia a seconda delle capacità di ognuna. Segue l’accurato lavaggio, la stiratura ad alte temperature con vapore e il confezionamento. L’idea è piaciuta tanto alle pazienti e per poter offrire una borsina a tutte quelle dimesse con drenaggio, dopo la prima edizione di ottobre 2018 della La Vie en Rose, sono stati donati alla Chirurgia Senologica di San Bonifacio un centinaio di sacchetti rosa. La solidarietà, infatti, continua: pazienti operate, amiche e  conoscenti, mamme del personale infermieristico e tante altre donne si sono offerte volontarie per cucire i sacchetti porta drenaggio.

La Chirurgia Senologia dell’Ospedale Fracastoro di San Bonifacio è parte integrante della BREAST UNIT dell’Azienda ULSS 9 Scaligera, un gruppo multidisciplinare e multidimensionale formato da specialisti che identificano il percorso diagnostico-terapeutico-riabilitativo personalizzato per ogni singolo caso, ponendo la donna al centro delle cure ed accompagnandola in tutte le sue fasi. Responsabile della UOSD di Chirurgia Senologia di San Bonifacio -Distretto 1-2 è la Dr.ssa Chiara Benassuti, affiancata dalla Dr.ssa Enrica Verzola (chirurgo senologo) e dal Dr. Andrea Favaro (chirurgo plastico).

Le pazienti vengono ricoverate e seguite durante tutta la degenza dal personale infermieristico della Week Surgery e/o dell’Area Omogenea nel Dipartimento Chirurgico diretto dal Dr. Gianmaria Giulini. Assunta Bignotto ed Anita Zampieri coordinano il lavoro di tutto lo staff infermieristico. L’attività è stata organizzata a vari livelli con un progressivo aumento delle prestazioni sia in termini di interventi chirurgici che di prestazioni ambulatoriali.

Nel 2022 sono stati eseguiti 250 interventi di chirurgia senologica, dei quali 181 primi interventi per neoplasia maligna e circa 2500 prestazioni ambulatoriali. Si è ridefinito il percorso di presa in carico delle pazienti che prevede non solo l’immediato iter di cura successivo alla diagnosi di neoplasia mammaria, ma anche il follow up negli anni successivi. Questo ha portato al consolidamento della Breast Unit, diventata centro di riferimento per un sempre maggior numero di pazienti.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail