Federsolidarietà Verona, Matteo Peruzzi è il nuovo presidente

Federsolidarietà Verona è l’organo provinciale di assistenza, tutela e rappresentanza della Cooperazione Sociale sul territorio veronese ed esprime la propria azione per conto della Confederazione delle Cooperative Italiane (Confcooperative). Confcooperative Federsolidarietà Verona associa un numero di Cooperative pari a 112, delle quali 61 di tipo A, 18 di tipo B, 1 Consorzio e 25 a scopo plurimo, per un totale di 4671 soci lavoratori e 1196 lavoratori non soci. E circa 170 milioni di fatturato. Il nuovo presidente è Matteo Peruzzi.

Il Consiglio Provinciale sarà composto da: Lucia Zanoni, Stefano Fiorini, Elena Brigo, Michele Righetti, Gianfranco Zavanella, Marco Sartori, Luigi Martari, Maria Luisa Costantino, Fasol Antonio, Stocco Paolo, Ambrosi Marika, Aronne Marini.

La Past President Erica Dal Degan, nella foto con Peruzzi, commenta con grande entusiasmo e soddisfazione i percorsi intrapresi dalla Federazione negli ultimi 8 anni, dall’importante risultato ottenuto sulle rette standard per i Centri diurni della Disabilità, alle battaglie per il riconoscimento della giusta base d’asta nelle procedure ad evidenza pubblica, non dimenticando le profonde relazioni costruite con tutti gli stakeholders di riferimento in termini di progettualità propositive e generative.

Il Presidente di Confcooperative Fausto Bertaiola esprime soddisfazione per il passaggio del testimone in piena continuità, ricordando che Erica Dal Degan rimane uno degli elementi centrali del sistema di Confcooperative Verona.  Bertaiola prosegue confermando che la struttura Confederale rimane a disposizione della sua Federazione nell’ambito della massima collaborazione.

Il Neoeletto Presidente di Federsolidarietà Verona, Matteo Peruzzi, nel ringraziare l’ex Presidente Erica Dal Degan, per gli ineguagliabili livelli raggiunti dalla Federazione Provinciale negli ultimi 8 anni, aggiorna l’elenco delle prossime sfide per l’economia sociale cooperativa: dall’Infanzia alla non autosufficienza, dall’innovazione digitale alla rigenerazione urbana, dalle Aree interne al grande tema delle giovani generazioni. Lo stesso conclude affermando: “Personalmente sono in debito con la cooperazione per quanto ricevuto. Cercherò di sdebitarmi assumendo questo nuovo incarico”.

La traccia tematica dell’Assemblea è stata le nuove marginalità, perché oramai Non esiste più la “povertà” ma i poveri e ne abbiamo parlato con il Sociologo Walter Nanni che ha spiegato l’evoluzione del tema in questi ultimi due anni e Gigi Cotichella, teologo, artista, autore e creativo, formatore consolidato con un importante passato da cooperatore sociale. Le riflessioni sono state condotte grazie all’intervento del Presidente Nazionale Stefano Granata al quale è spettato il compito di offrire spunti a favore della cooperazione in modo che possa sempre essere in grado di proiettarsi verso il futuro.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail