Primo caso di variante Omicron in Italia. Israele vieta l’ingresso di stranieri con voli internazionali

E’ un 55enne di Caserta il primo caso di variante Omicron in Italia. Dirigente d’azienda è tornato dal Mozambico qualche giorno fa. Ha pochi sintomi ed è vaccinato con 2 dosi. I suoi familiari sono stati isolati ma sono astigmatici. Adnkronos riferisce  che in una nota dell’Istituto superiore di Sanità si comunica  che ’”Il paziente e i suoi contatti familiari sono in buone condizioni di salute.” Il genoma della variante Omicron di Sars- Cov -2 è stato sequenziato, per la prima volta in Italia, dal ‘Laboratorio di microbiologia Clinica, virologia e diagnostica delle Bioemergenze dell’ospedale Sacco di Milano’. Molti paesi europei fra cui l’Italia hanno bloccato i voli provenienti da Sudafrica, Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Mozambico, Namibia, Eswatini ed il Malawi.

Israele ha vietato l’ingresso di stranieri con voli internazionali per impedire la diffusione della variante Omicron. Gli israeliani che tornano dall’estero invece potranno entrare nel paese, ma dovranno stare isolati almeno per 3 giorni. Gli israeliani provenienti da paesi a rischio verranno presi in consegna dalle autorità e portati in un hotel dove dovranno stare in quarantena fino a che non avranno un tampone negativo. Il governo ha anche deciso di impiegare i servizi per individuare le persone infette. Tutto questo, ha detto il première Bennett, per “usare prudenza e limitare al minimo i rischi fino a quando ne sapremo di più”. “Priorità assoluta: mantenere un’economia funzionante e un sistema scolastico attivo, con gli studenti che vanno a scuola”. “Per ottenere questo – ha concluso il premier – dobbiamo mantenere uno stretto controllo sulle frontiere del Paese”. Anche l’Italia dovrebbe fare come gli israeliani. Invece si consente addirittura che continuino a sbarcare migliaia e migliaia di africano sulle nostre coste. 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail