Verona-Fiorentina 1-1. Il copione è sempre quello. Primo tempo su, secondo tempo giù.

Gran primo tempo del Verona che, disposto da Tudor in modo da non risentire delle assenze in difesa,  con un Tameze in gran forma, migliore in campo, in veste di difensore, ha dominato la Fiorentina dell’ex gialloblu Vincenzo Italiano. Dopo varie occasioni ed un palo di Faraoni è arrivato il gol del vantaggio con Kevin Lasagna che ha raccolto in velocità un passaggio profondo ed ha segnato con un tiro imparabile. Bel gol, il primo di Lasagna in questo campionato. 
L’Hellas ha continuato a dominare controllando i tentativi dei viola con una certa tranquillità e creando un altro paio di occasioni, una delle quali clamorosa con Simeone che ha sbagliato un gol fatto.
Per tutto il secondo tempo la Fiorentina cerca il pareggio, ma sempre con azioni abbastanza inconcludenti che non producono mai un vero pericolo, a parte una grande parato di Montipoò a 10’ dalla fine. Ma verso la fine della gara si verifica il solito calo di energie del Verona, parzialmente tamponato dalle sostituzioni. Ne approfittano i viola per aggredire l’area veronese e all’81’ trova il pareggio. Il problema rimane sempre lo stesso, nella prima parte della gara l’Hellas fa faville e segna, ma verso la fine non riesce a conservare il risultato e prende gol. Un pareggio con una squadra blasonata come la Fiorentina, per di più con assenze come quelle di Barak, Gunther, Dawidwovicz e Magnani non è certo un dramma. Ma qualcosa da rivedere c’è di sicuro.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail