Azienda Gardesana Servizi, i soci confermano il CDA: 27 milioni di investimenti e target sulla raccolta rifiuti

L’Assemblea dei Soci di Azienda Gardesana Servizi ha confermato, con voto unanime, tutti i componenti del Consiglio di Amministrazione uscente. Pertanto il Cda di AGS continuerà ad essere formato da Angelo Cresco, confermato come presidente, e dai consiglieri Umberto ChincariniLuca Simone Dal PreteLuciana Semprebon e Vania Vicentini.

La scelta della riconferma nasce dalla esigenza di garantire la continuità della attività di AGS Spa nello sviluppo degli ambiziosi programmi di investimento aziendali che riguardano importanti progetti in corso. Progetti che vanno dalla gestione ordinaria e straordinaria delle reti idriche e fognarie, alla depurazione delle acque fino agli interventi straordinari come il rifacimento del collettore di gronda e l’adeguamento delle reti alle infrastrutture della TAV, in fase di realizzazione nei territori di Peschiera del Garda e Castelnuovo del Garda.

L’Assemblea dei Soci di Azienda Gardesana Servizi ha approvato all’unanimità anche il budget per l’anno 2022. Il documento racchiude le previsioni di natura economica, patrimoniale e di programmazione degli investimenti per l’anno in corso.

La programmazione degli investimenti che prevede, ad oggi, un totale di 27 milioni di euro per il solo anno 2022, sarà oggetto nei prossimi mesi di riassetto in occasione dell’approvazione del Programma degli Interventi da parte del Consiglio di Bacino dell’Ato Veronese, Ente di Governo del Servizio Idrico nella Provincia di Verona, che ha tra le proprie competenze anche la programmazione degli investimenti sul territorio.

Per quanto riguarda la programmazione delle opere, dell’esercizio in corso (quadriennio 2020-2023), la riunione dell’Assemblea è stata l’occasione per illustrare ai sindaci soci lo stato di avanzamento dei lavori che vede confermati gli obiettivi prefissati ed, in particolare, quelli riguardanti le opere di rifacimento del collettore del lago di Garda e le opere per la risoluzione delle interferenze legate al passaggio della TAV nei territori dei Comuni soci di AGS.

Dal punto di vista economico, il quadro generale di spesa già approvato dal Cda di AGS Spa nelle scorse settimane, pur tenendo in considerazione la situazione generale dell’aumento dei costi in ogni settore, non potrà non risentire dell’ulteriore accelerazione dei prezzi di questi ultimi giorni dovuti alla delicata situazione geopolitica internazionale, soprattutto per quel che concerne le dinamiche di aumento dei costi energetici e, in generale, delle materie prime, che avranno, a meno di repentini ritorni alla normalità, notevole incidenza sulla marginalità e sui risultati d’esercizio di fine anno.

A conclusione della seduta, i sindaci soci, riconfermando la totale fiducia nell’operato del Cda, hanno auspicato che, nonostante il difficile momento internazionale che si sta vivendo, non venga a mancare l’entusiasmo e la determinazione sino ad oggi dimostrata anche nella prospettiva delle future sfide che AGS Spa si accinge ad affrontare.

In particolare, c’è quella di fornire un supporto concreto all’operatività delle singole Amministrazioni comunali, che riguardano diverse attività nell’ambito dei servizi, resi grazie alla recente costituzione della divisione ‘multiutility’ (gestione sosta, pubblica illuminazione, calore ecc.) e, in ambito di igiene ambientale, la gestione dei rifiuti solidi urbani nei territori serviti da AGS Spa (20 Comuni soci) come affidatario del servizio in house providing da parte del Consiglio di Bacino Verona Nord.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail