inquinamento 20 results

L’inquinamento causa di artrite reumatoide e osteoporosi 

L’inquinamento atmosferico non è responsabile solo delle malattie cardiovascolari e polmonari ma anche di alcune patologie reumatologiche autoimmuni come l’artrite reumatoide, e malattie degenerative fra cui l’osteoporosi. A stabilire la relazione fra l’esposizione al Pm10 e l’aggravarsi di alcune malattie reumatologiche è uno studio Aoui, presentato oggi a Milano dal direttore dell’Uoc Reumatologia prof Maurizio Rossini.  La Fondazione Italiana per la Ricerca in ...

Aria irrespirabile. Allerta rossa. Ma venerdì piove

E’ un mese che non piove. Di neve a Verona non se ne parla. Risultato: l’aria è irrespirabile...

Veneto. Bando da 7 milioni per acquistare auto green

Su proposta dell'assessore all'Ambiente Gianpaolo Bottacin, la Giunta regionale ha approvato il bando 2023 dedicato alla rottamazione...

Esiste una correlazione tra PFAS e colesterolo. Il rischio d’infarto aumenta nelle zone inquinate

I PFAS sono sostanze tossiche che si stima almeno 350mila cittadini veneti abbiano nel sangue. Una parte dell’Est veronese e della Bassa ricade nella zona rossa quella più inquinata...

Misure Antismog. Da oggi si riattivano le disposizioni di limitazione alla circolazione

(di Edoardo Cavalli) A seguito dell’Accordo del bacino Padano del 6 giugno 2017 fra Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Piemonte, sarà data attuazione alle limitazioni alla circolazione dei veicoli che saranno valevoli fino al 15 dicembre 2023 e dall’8 gennaio al 30 aprile 2024, con i veicoli diesel fino ad Euro 4 fermi per tutto il periodo. L’Amministrazione, in linea con quanto già disposto lo scorso anno, ha provveduto a riconoscere alcune deroghe che possano&nb...

Energia, parlare di nucleare e senza scontri ideologici. Banchetti in Piazza Bra per un weekend di confronto

(di Edoardo Cavalli) Nel dibattito sull'energia in Italia si discute di gas, rinnovabili, combustibili fossili, di costi da contenere e inquinamento da combattere. Ma c'è un tema, il nucleare, di cui non si riesce a parlare senza che il dibattito diventi uno scontro fra tifosi per ragioni ideologiche, senza dare spazio ai contenuti tecnici e pratici. Un argomento tabù, ma i tempi sono maturi per sollevare il coperchio. Per questo sabato e domenica se ne parlerà anche a Verona in occasi...

Conclusa la prima fase del rinnovo della flotta Atv. Entro il 2026 tutta elettrica 

Massimo Bettarello, presidente di Atv annuncia che è ultimata la prima parte del rinnovo della flotta autobus urbana, (qui il nostro video) costituita da undici mezzi elettrici di 12 e di 8 metri di lunghezza, uno dei quali è stato destinato a Legnago. “Ed è solo l’inizio” prevede Bettarello,” perché entro il 2026  tutto il servizio pubblico urbano veronese sarà elettrico, vuoi perché ci sarà il filobus, vuoi perché tutti i mezzi saranno alimentati ad elettricità”. Un ...

Sedentarietà, inquinamento e obesità: ecco i complici del fortissimo incremento dei casi di diabete in Veneto

L'inquinamento dell'aria e delle acque, il progressivo trasferimento della popolazione dai paesi ai grandi centri urbani, troppa sedentarietà unita a stili di vita poco sani. Sono questi i complici del preoccupante aumento dell'incidenza dei casi di diabete nel Veneto, confermati dalla Società Italiana di Diabetologia. In regione vivono poco meno di 4,9 milioni di persone, delle quali 278 mila si dichiarano diabetiche, quindi con una percentuale che sfiora il 6%. E il dato sembra destin...

Il no di Tommasi al tunnel fra Stradone S.Lucia e via Albere condanna alle code e all’inquinamento

Una cosa buona fatta dall’amministrazione Sboarina è il progetto del tunnel per collegare stradone Santa Lucia a via Albere. Lo scopo era di sciogliere l’annoso nodo dell’ingorgo al semaforo di S.Lucia dove confluisce il traffico proveniente da via Albere e dalla Bretella che genera una coda stabile in via Mantovana. Coda che significa perdite di tempo e anche inquinamento per tutti gli abitanti della zona. Una criticità risolvibile solo con un by-pass costituito appunto dal tunnel che ...

Rinviata a data da destinarsi la riunione degli ambasciatori Ue sullo stop dal 2035 alle auto a benzina e diesel

 “Il rinvio, a data da destinarsi, del voto in Europa sul divieto alle auto a benzina e diesel dal 2035 è un primo segnale importante e netto contro l’ennesima eurofollia. Arrivi, però, a Bruxelles un messaggio chiaro: non ci svenderemo alla Cina”.  Così Paolo Borchia, europarlamentare veronese della Lega, coordinatore in commissione per l'Industria, la Ricerca e l'Energia. “Il rinvio del provvedimento rappresenta sicuramente un importantissimo risultato ottenuto grazie ...

Pm10. Da oggi scatta l’allerta arancione su tutto il territorio del comune di Verona. 

L'Accordo di Bacino Padano prevede tre gradi di allerta - verde, arancione e rosso - riferiti ai valori misurati della stazione di monitoraggio ARPAV posizionata al Giarol Grande, che fa da riferimento per l'agglomerato di Verona. Arpav effettua tre volte alla settimana (lunedì, mercoledì, venerdì) i controlli sulla centralina scaligera e, in caso di superamento del livello di Pm10 nell’aria per più giorni consecutivi, scattano i livelli di allerta arancio o rosso.  A causa della ...

Ambiente, salute e inquinamento sono temi troppo seri per alimentare un’inutile altalena di polemiche politiche

(di Duffy Duck) Toh, guarda: due giorni senza qualche auto (mica tutte, eh) e a Verona l'aria è tornata pulita e respirabile. Se volessimo imbastire una polemichetta sul nulla, ci basterebbe la toccata e fuga del PM10 per dar fuoco alle polveri, naturalmente sottili. Invece no. "Fortuna" che i riscaldamenti sono ancora spenti e la crisi rallenta le fabbriche. Perché inquinamento, rischi per la salute, limitazioni alla mobilità privata, emergenza climatica, dissesto energetico e bollette ...

Per domani prevista una minore concentrazione di PM10: possono circolare i diesel Euro 5, venerdì la nuova verifica

Il Comune di Verona annuncia che da domani, giovedì 20 ottobre, il territorio del capoluogo non sarà più in "zona arancione" ma rientrerà in "zona verde" con allerta 0 per quanto riguarda i livello di PM10. Il modello previsionale dell’Arpav prevede infatti che da domani nell'area scaligera vi sarà una concentrazione inferiore al valore limite giornaliero di 50 microgrammi per metro cubo, per il sopraggiungere di condizioni atmosferiche che favoriranno la dispersione degli inquinanti....